Scuola, Ruocco (Flc-Cgil): “Formazione gratuita e garantita per tutti per avere insegnanti di qualità”



“La cosa che fa più rabbia è che i precari di cui si sta parlando e che vanno stabilizzati sono esattamente gli stessi che in questi anni hanno portato avanti le scuole. Sono quelli che tutti gli anni aspettano settembre – se tutto va bene, o ottobre per via del meccanismo farraginoso delle graduatorie – per essere chiamati. Stiamo parlando delle persone che anche con dieci anni di precariato alle spalle, saranno di nuovo chiamati a settembre per ricoprire cattedre annuali, permettendo alle scuole di andare avanti”. Ai microfoni di iNews 24, Francesca Ruocco, segretaria nazionale Flc-Cgil, spiega i motivi dello sciopero della scuola di oggi, lunedì 30 maggio 2022 e risponde ai dubbi dei presidi. “Per cui, se veramente ci si preoccupasse della qualità, si dovrebbe pensare alla formazione gratuita e garantita per tutti ed avere un numero congruo di alunni per classi, soprattutto dove c’è uno studente disabile. A anche preoccuparsi del riconoscimento professionale della categoria degli insegnanti”.

Uno dei motivi dello sciopero

Uno dei motivi dello sciopero riguarda proprio il reclutamento del personale scolastico: “Il Patto sottoscritto dal Governo con la scuola a maggio 2021, tra le tante cose prevedeva di aprire un confronto sulla formazione, proprio per valorizzare e stabilizzare il precariato storico, come del resto chi chiede l’Europa. Da tempo aspettiamo un confronto con il Ministero per mettere in campo un meccanismo fluido e continuativo del reclutamento, con al centro la formazione di qualità non a carico del docente. Invece anche in questo caso si interviene per decreto, costruendo un meccanismo punitivo per i precari”. Il percorso degli insegnanti per il “ruolo”, afferma Ruocco, è molto lungo: “Dopo la laurea bisogna fare ben tre prove selettive. Per lavorare nella scuola secondaria si deve prima fare formazione a proprie spese acquistando 60 cfu, di cui parte con il lavoro d’aula. Alla fine di questo primo step, bisogna passare attraverso una prova finale selettiva, scritta, orale e pratica. Dopodiché si ottiene l’abilitazione ma bisogna aspettare ancora e fare un concorso scritto, orale e per titoli. Dopodiché si è entrati nella scuola ma c’è ancora un anno di prova che prevede una selezione finale diversa da quelle che c’è già adesso, con commissari esterni, prova scritta e orale. Solo a quel punto si è definitivamente di ruolo dopo anni, con uno stipendio di 250 euro di media più basso rispetto al resto delle figure presenti nella pubblica amministrazione con parità di titoli”.

Inoltre la segretaria aggiunge

“Se tagliamo di nuovo l’organico dei docenti per finanziare incentivi salariali e il Ministero non rispetta gli impegni presi, non potrà diminuire il numero di alunni per classe. Ciò causa meno qualità dell’insegnamento e meno tempo a scuola. Proprio quest’ultimo era uno degli impegni all’interno del Pnrr: l’incremento della scuola dell’infanzia, il tempo pieno nella scuola primaria e il ripristino del tempo prolungato nella secondaria. Con poco personale ATA inoltre, ne risente anche la sicurezza nelle scuole”.

Fonte: iNews24.it


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.