Spesa militare, Guidi (Ispi): “Se l’Italia non raggiunge il 2% sarà relegata a un ruolo marginale nella Nato”

nato



“L’aumento del 2% della spesa militare è il terreno dove si gioca il ruolo dell’Italia nella Nato. Se venisse raggiunta questa percentuale nei prossimi anni l’Italia potrà giocare un ruolo anche maggiore anche nell’elezione del futuro segretario generale”. Ai microfoni di iNews24, Alberto Guidi, dell’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi), sulla guerra in Ucraina. “Se invece gli ostacoli politici impediranno il raggiungimento di questo target allora l’Italia potrebbe essere relegata a un ruolo di nicchia”.

Sul tema dell’invio delle armi a Kiev, Guidi afferma

“Non esiste una decisione giusta o sbagliata a livello di ricerca di una posizione italiana più forte. Non dobbiamo dimenticare che una delle sanzioni principali verso la Russia, del congelamento dei beni della Banca Centrale, è stata proposta proprio dall’Italia. Come non bisogna dimenticare che l’Italia ha una posizione forte nel cercare e proporre accordi sulle sanzioni. A livello militare, il nostro è uno degli eserciti più importanti d’Europa. Quindi l’invio di armi o meno non detta una maggiore rilevanza sullo scenario europeo. Però certamente queste discussioni ci pongono in distacco rispetto ad altri Paesi come il Regno Unito o gli Usa che stanno inviando tantissime armi”.

Per tornare ai negoziati

Per tornare ai negoziati, secondo il ricercatore, “serve effettivamente uno sviluppo sul campo di battaglia. L’Ucraina sente di poter vincere questa guerra, quindi vorrebbe tornare ai tavoli negoziali in una posizione di vantaggio militare più chiaro ed aver più potere contrattuale. Dall’altra parte la Russia, in questo momento, sente di non aver raggiunto i propri obiettivi, quindi non intende sedersi e trovare un accordo senza aver prima ottenuto qualcosa in termini territoriali. Credo che proverà più a estendere le proprie conquiste in Ucraina che non cercare di intavolare una nuova discussione”.

Sull’ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia, Guidi

“Sicuramente possiamo considerare la strategia russa fallita non solo sul campo di battaglia ma anche rispetto alla Nato. Una delle richieste presentate a febbraio nei tentativi di negoziazione tra Stati Uniti e Russia per evitare un’escalation – che poi c’è stata – era il ritiro delle truppe dell’Alleanza dai confini che aveva acquisito negli ultimi venticinque – trent’anni. Ora invece vediamo esattamente l’opposto: un rafforzamento della Nato lungo tutto il confine Est dove ha dispiegato il doppio delle unità militari, ma anche con l’entrata di Finlandia e Svezia, Paesi storici per la loro neutralità. Il confine tra Nato e Russia quindi raddoppierà: esattamente l’opposto di quello che voleva Putin”.

Sul veto di Erdogan inoltre: “Al momento si assiste a una situazione di tensione tra Finlandia, Svezia e Turchia che però sembra potersi risolvere. Dietro la posizione di Erdogan sembrerebbe esserci più la volontà di concordare con Finlandia e Svezia un diverso trattamento di quello che lui considera un partito terrorista, il Pkk. E anche la volontà di ottenere, in cambio di un mancato veto, nuove armi dagli Stati Uniti. Quella di Erdogan sembra più una posizione negoziale che non un veto non risolvibile”.

Fonte: iNews24.it


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.