Mafia, Cartabia: “Criticità sui beni confiscati”

cartabia



L’emergenza pandemica, i grandi investimenti del Pnrr e ora anche la guerra alle porte d’Europa rappresentano grandi occasioni per le mafie, grandi occasioni per illeciti arricchimenti”. Lo dice la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, nel videomessaggio inviato a Extralibera, la manifestazione di Libera coordinata da don Luigi Ciotti. “La guerra in Ucraina, oltre a seminare morte e distruzione – ha sottolineato Cartabia- porta con se’ il rischio di infiltrazioni della criminalita’ organizzata nel traffico di armi, quando non addirittura nel traffico di esseri umani e nel proliferare di altre forme di sfruttamento vile delle migliaia di persone in fuga, in cerca di un ricovero sicuro per se’ e i propri figli. La vulnerabilita’ dei mercati dell’energia e dei prodotti agricoli sono altre condizioni estremamente propizie per gli affari illeciti. Tutti fronti su cui le nostre forze dell’ordine e la nostra magistratura, presidio del nostro vivere democratico, sapranno muoversi al meglio, come hanno gia’ mostrato in altri contesti storici, tanto da diventare modello a livello internazionale”.

Gestione beni confiscati

“Un tema, che sta particolarmente a cuore a noi tutti: quello della gestione delle aziende e dei beni sequestrati e confiscati. È questa una grandissima conquista della nostra legislazione antimafia, ora sempre più esportata e studiata nel mondo; una grandissima intuizione di Pio La Torre, ucciso esattamente 40 anni fa, il 30 aprile 1982, insieme al suo più stretto collaboratore, Rosario Di Salvo alla cui memoria è dedicato – giustamente – quest’incontro”. Lo dice la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, nel videomessaggio inviato a Extralibera, la manifestazione di Libera coordinata da don Luigi Ciotti. “La legge che porta il nome di Pio La Torre e Virginio Rognoni – aggiunge – ci consegna un patrimonio che dobbiamo dimostrare di essere in grado di gestire nel modo più proficuo per la collettività, per trasmettere il giusto messaggio: lo Stato porta ricchezza, la mafia porta solo morte. L’illegalità, la malavita, la criminalità, la corruzione in ogni sua forma – come ripete instancabilmente Papa Francesco, che su questo tema ha da sempre usato parole di inusuale durezza – ‘è un cancro che, con l’illusione di guadagni rapidi e facili, in realtà impoverisce tutti’. Non c’è prosperità laddove dilaga questo veleno. Il tema è complesso e urgente soprattutto per le aziende sequestrate e confiscate. I dati dicono che delle 2.245 aziende attualmente affidate direttamente o indirettamente in gestione allo Stato, sono solo 145 quelle attive. Cioè, il 6,5%. Questa percentuale scende al 4,4% se consideriamo quelle destinate e attive sul mercato sul totale delle aziende confiscate definitivamente: 90 su 1.675. Sono cifre molto esigue, che rivelano una criticità e impongono l’obbligo di individuare risoluzioni adeguate. Proprio per iniziare ad affrontare più sistematicamente questo problema sarà a brevissimo firmato un protocollo tra Ministero della Giustizia e l’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati, per la costituzione di un Osservatorio permanente, volto a monitorare l’intero iter della procedura e seguire da vicino – e in modo tempestivo – anche le delicate fasi della destinazione”.

La ministra della Giustizia, Marta Cartabia, nel messaggio alla manifestazione di Libera ha aggiunto

“Molti altri sono gli interventi necessari in questo ambito. L’esperienza sul campo di più uffici giudiziari a suggerirci tra l’altro che si sta diffondendo proficuamente una strategia di ‘controllo terapeutico’ del bene ‘inquinato’, con il ricorso sempre più a percorsi volti a ‘spegnere sul nascere’ il contagio delle organizzazioni criminali. D’altra parte, reputo decisivo potenziare una formazione adeguata di chi è chiamato a gestire i beni e le aziende sequestrate e confiscate. Prevenzione dalle ricadute, promozione di una cultura della sostenibilità, accompagnamento all’autonomia delle aziende sono traguardi importanti, per rinsaldare lo spirito di una norma che mira ad aggredire la ricchezza acquisita in modo illecito, sia da mafiosi sia da corrotti e corruttori, sempre più spesso interconnessi tra loro: coloro cioè che in questo modo tradiscono i valori dello stato di diritto”. La guardasigilli ha concluso: “Ma soprattutto, perché si inneschi davvero un circuito positivo, occorre una solida alleanza di tutte le istituzioni, di tutti gli attori economici, di tutti i soggetti della società civile – e sono sempre di più grazie al vostro fortissimo impegno – che hanno a cuore l’alto valore di questi interventi. Per quanto di mia competenza, sono determinata a portare avanti un lavoro serio su questo fronte, forte anche della vostra forza, forte dell’energia, della passione, della esperienza sul campo e degli stimoli culturali che la grande famiglia di Libera, a cominciare da don Ciotti, non ci fa mai mancare”.

Fonte: agenzia dire

var url270972 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=270972”;
var snippet270972 = httpGetSync(url270972);
document.write(snippet270972);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24765 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.