Re David (Fiom Cgil) sulle multinazionali che licenziano e delocalizzano

Francesca Re David



Francesca Re David (segr. gen. Fiom Cgil) è intervenuta ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

 Sulle multinazionali che licenziano e delocalizzan

“Tutte queste aziende decidono di andarsene non certo per problemi di produzione o di mercato, ma per scelte dei fondi che hanno poco a che fare con l’economia reale e molto a che fare con la finanza –ha affermato Re David-. E’ molto difficile pensare che il cda di un’azienda decida le cose all’ultimo secondo e non abbia un piano, è chiaro che sono scelte assunte con grande anticipo rispetto a quando vengono dichiarate e l’obiettivo è di chiudere la faccenda il prima possibile. Quando questo non accade è perché gli operai occupano le fabbriche e si apre una vertenza.

Il nostro Paese è l’unico che non ha nessun tipo di vincolo di alcun genere. Si potrebbero fare molte cose. Le aziende devono comunicare subito quando decidono di delocalizzare, questo consente di avere tempo per poter ragionare e trovare soluzioni. E’ necessario che il governo italiano cominci a mettere in atto un’idea di politiche industriali che nel nostro Paese manca da 20 anni. Pensare che le aziende se ne vadano e al loro posto rimangano fabbriche chiuse significa che abbiamo deciso di deindustrializzare questo Paese. C’è bisogno di attivare una serie di strumenti che accompagnino una trasformazione di sistema in modo tale che i lavoratori non la attraversino in disoccupazione, bensì dentro un sistema di protezione che salvaguardino il loro lavoro e le loro competenze”.

Fonte: Radio Cusano Campus


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 14767 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.