G20 Roma, i leader: “Accordo ambizioso sul clima”

roma



È cominciata con un incontro a Fontana di Trevi la seconda e ultima giornata del G20 a Roma. I leader del summit che riunisce le venti maggiori potenze mondiali, accompagnati dal presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, hanno fatto una breve passeggiata e una foto di rito. Prima di recarsi alla Nuvola dell’Eur, sede del consesso, i
grandi della Terra hanno partecipato anche al lancio della monetina nella Fontana di Trevi, considerato di buon auspicio. La moneta da 1 euro lanciata dai leader mondiali è speciale: è stata coniata in Italia e sul retro è raffigurato l’uomo vitruviano, simbolo di questo G20.

DAI GAS SERRA ALLE CENTRALI A CARBONE, IL G20 ALLA PROVA

L’impegno per contenere l’aumento delle temperature entro 1,5 gradi, la data limite per garantire la neutralità delle emissioni di gas serra, lo stop alla costruzione di centrali a carbone e la riduzione della dipendenza dai combustibili fossili: questi i punti stamane al centro dei negoziati del G20 sul clima, in coincidenza con l’apertura a Glasgow della Cop26.
Il tema della difesa del pianeta e della transizione energetica è stato al centro al forum di un discorso del presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, che ha parlato di “sfida decisiva dei nostri tempi” sottolineando che “agire in ritardo” potrebbe voler dire “pagare poi un prezzo molto più alto”. L’appello è stato rilanciato a Roma dal principe Carlo d’Inghilterra, che ha invitato ad “ascoltare la voce disperata dei giovani del mondo, che ci vedono come coloro che hanno in mano il loro futuro”.

Stando a una bozza di dichiarazione citata da fonti della stampa internazionale, però, al G20 il negoziato resta difficile. Alla data del 2050 come limite massimo entro il quale raggiungere la neutralità in materia di emissioni potrebbe essere sostituito un più generico riferimento alla “metà del secolo”. Se Draghi ha insistito ancora oggi sulla necessità di alzare l’asticella degli obiettivi climatici, fissando a 1,5 gradi e non a due il limite da non oltrepassare, “perché lo dice la scienza”, su altri punti potrebbero essere utilizzate formule generiche. Le fonti citano la possibilità di un impegno a “fare il massimo” per bloccare la costruzione di centrali a carbone per la fine degli anni Trenta. Sulla riduzione della dipendenza dei combustibili fossili l’impegno sarebbe invece “nel medio termine”.

Dalle scelte del G20 dipenderà anche la Cop26, in corso in Scozia fino al 12 novembre. I Paesi del forum sono responsabili di circa l’80 per cento delle emissioni di gas serra. Tra i pesi massimi, insieme con gli Stati Uniti e la Germania, ci sono Cina e India, potenze di industrializzazione più recente, fortemente dipendenti dal carbone e con fabbisogni energetici in crescita. Difficile capire se e come alle loro esigenze possa essere legato un altro capitolo, decisivo per i Paesi meno attrezzati ma più colpiti dalla crisi climatica: il trasferimento di fondi, per 100 o 150 miliardi di dollari l’anno, per aiutarli a fronteggiare il rischio della ‘catastrofe’.

CLIMA, I LEADER: “SIAMO AMBIZIOSI, ANDIAMO OLTRE L’ACCORDO DI PARIGI”

Ottimismo perché “siamo ancora più ambiziosi rispetto all’Accordo di Parigi”, con impegni concreti negoziati dagli sherpa come lo stanziamento di un fondo da 100 miliardi di dollari per sostenere la transizione ecologica nei paesi a basso reddito. Consapevolezza, però anche, parlando di cambiamenti climatici, che “quando le cose iniziano a precipitare, lo fanno molto velocemente“. Sono questi alcuni dei messaggi emersi dalla seconda sessione del G20 in corso a Roma, quella dedicata ai temi di ambiente e cambiamento climatico, stando a quanto affermano fonti che hanno seguito i lavori.

L’incontro si è svolto in contemporanea con l’apertura della 26esima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop26), al via oggi fino al 12 novembre a Glasgow, in Scozia. Concomitanza sottolineata dalla cancelliera tedesca uscente, Angela Merkel, che ha evidenziato “l’importanza cruciale” di un incontro che “avviene alla vigilia della Cop26”. Secondo Merkel, da Roma i leader mondiali stanno “mandando un messaggio molto chiaro: siamo ancora più ambiziosi rispetto all’Accordo di Parigi” siglato nel 2015.

A dare corpo a questa ambizione, con numeri e impegni, è il presidente francese Emmanuel Macron, che ha citato lo stanziamento di un fondo da 100 miliardi di dollari e anche un graduale azzeramento dei finanziamenti alle centrali a carbone e la riallocazione dei diritti speciali di prelievo di nuova emissione verso i Paesi più bisognosi. Dichiarazioni importanti, frutto anche della centralità del G20, che secondo il presidente russo Vladimir Putin, intervenuto in collegamento video da Mosca, ha sottolineato che il forum dei vemto grandi deve essere leader nello stabilire regole chiare, uniformi e trasparenti.

Norme, stando agli interventi di molti dei partecipanti, che devono fissare il principio per il quale le responsabilità sono “comuni ma differenziate” da parte dei Paesi mondiali, che hanno anche il compito di aiutare in modo particolare i Paesi emergenti e a basso reddito ad affrontare i costi della transizione. Impegni necessari e da attuare subito, con la consapevolezza, ha avvertito il primo ministro britannico Boris Johnson, che “la caduta dell’Impero Romano ci insegna che quando le cose iniziano a precipitare, lo fanno molto velocemente“. In ultimo, molti dei leader che hanno preso parte alla sessione hanno salutato con favore la ratifica dell’Accordo di Parigi da parte della Turchia, avvenuta di recente.

DRAGHI: “LA LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO È LA SFIDA DECISIVA”

Aprendo i lavori della seconda giornata del summit, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha subito ricordato l’importanza del tema ambientale sul tavolo del G20, dopo che ieri è emersa distanza tra i leader su misure immediate per contrastare il riscaldamento globale. “La lotta contro il cambiamento climatico è la sfida decisiva del nostro tempo. O agiamo adesso, affrontando i costi della transizione e andando verso un’economia più sostenibile, o interveniamo in ritardo, pagando poi un prezzo molto più alto e rischiando il fallimento“, ha detto il premier. “La lotta ai cambiamenti climatici coinvolge quasi letteralmente il mondo intero. Siamo uniti nel successo e nel fallimento”.

Il G20 fissa come proprio obiettivo il contenimento dell’aumento delle temperature globali entro 1,5 gradi e non due “perché così dice la scienza”, ha sottolineato Draghi. Secondo il padrone di casa del summit di Roma, “l’ultimo rapporto del Panel intergovernativo dell’Onu sul cambiamento climatico mostra che per scongiurare conseguenze catastrofiche dobbiamo attuare subito tagli significativi e rapidi delle emissioni“. Draghi ha aggiunto: “Dobbiamo ascoltare i moniti che arrivano dalla comunità scientifica globale, contrastare la crisi climatica in questa decade e onorare l’Accordo di Parigi e l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile”.

Fonte: agenzia dire

var url208028 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=208028”;
var snippet208028 = httpGetSync(url208028);
document.write(snippet208028);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24148 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.