Fregene, Oipa: “Strage di daini: dossi e metodi tecnologici già sperimentati sono la soluzione”

daini



Sulla vicenda del daino morto ieri notte investito da un’auto a Fregene, nella Città metropolitana di Roma, l’ultimo di una lunga serie, l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) ricorda che esistono dei metodi per mettere in sicurezza gli animali negli attraversamenti.

Come prevenire gli incidenti

Negli anni passati il Programma europeo Life Strade, finalizzato alla tutela della biodiversità e della sicurezza, ha studiato un sistema basato su tecnologia radar e infrarossi che, attraverso centraline di segnalazione e messaggi luminosi e sonori, evita il passaggio in strada di animali selvatici e allerti gli automobilisti dell’eventuale pericolo.

Nel 2013 il Comune di Rimini ha avviato con successo un progetto sperimentale nel tratto di strada che costeggia il fiume Senatello, dove i caprioli vanno spesso ad abbeverarsi. Un sistema di sensori rileva l’avvicinamento di animali di grossa taglia, invia un impulso a una centralina che, a sua volta, attiva un lampeggiante rosso posto sul cartello che segnala il pericolo di attraversamento degli animali selvatici. In otto mesi di sperimentazione, nel tratto interessato non si è più verificato alcun  investimento della fauna selvatica.

Le parole di Comparotto

«Le strade possono essere una minaccia alla conservazione della biodiversità», osserva il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto. «In tutta Europa vengono uccisi dai veicoli ogni anno milioni di uccelli e mammiferi. Inoltre, gli incidenti stradali causati dagli ungulati costituiscono motivo di preoccupazione sia per gli automobilisti, sia per le ricadute economiche legate agli indennizzi che le Amministrazioni pubbliche sono tenuti a pagare».

Quello di ieri notte è il terzo daino ucciso nella collisione con un’auto negli ultimi venti giorni nella zona e sono molti gli incidenti analoghi negli ultimi tre anni.

Da tempo i residenti chiedono che siano presi provvedimenti di messa in sicurezza delle strade e dell’area, dove vive da anni una colonia di daini, e di recente il Comune di Fiumicino ha intimato ai proprietari di provvedere alla recinzione dei fondi agricoli teatro degli incidenti. Ma ad oggi gli incidenti si ripetono e, secondo l’Oipa, è ora che gli enti preposti alla gestione e alla sicurezza stradale ricorrano a metodi diversi che non il semplice invito ai proprietari terrieri di recintare. Anche dei semplici dossi che facciano rallentare i veicoli potrebbe essere intanto un primo approccio alla soluzione del problema.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.