Lezzi: “La strategia del governo Draghi è ben collaudata e di successo”

draghi



Così la senatrice Barbara Lezzi sulla sua pagina Facebook:

La strategia del governo Draghi è ben collaudata e di successo perché riesce ad ottenere tutto quello si vuole fingendo di cedere qualcosa a chi si dimostra riottoso.
Consiste nell’approvare, in consiglio dei ministri, provvedimenti con un’asticella decisamente alta. Diciamo pure invalicabile. A questo punto si sollevano le polemiche alle quali il governo risponde con “cordiali e costruttive aperture”. Si susseguono interviste, dichiarazioni, prese di posizione che invitano al dialogo contro quelle che minacciano fratture.

Proposta di mediazione

Arriva, quindi, la famigerata “proposta di mediazione” che in nome della “responsabilità”, “cultura di governo” e altri giochi semantici, diventa la proposta vincente per tutti. Nessuno ricorda più i punti di partenza dei partiti che avevano sollevato le obiezioni. Vengono accantonati valori, principi e promesse elettorali per abbracciare convintamente la nuova proposta che sarà propagandata ad arte ovunque senza che nessuno possa più proferir parola.
È successo così con il decreto Semplificazioni. Rumors di malumori, minacce di non voto per poi approdare a un placido Sì a un decreto che, come ha detto in Aula il senatore Pagano di Forza Italia, risponde finalmente ai desiderata che la destra non era riuscita ad ottenere durante i governi Conte. Non solo, anche il senatore Briziarelli della Lega plaude al decreto che, era ora, consente di bruciare qualsiasi rifiuto in qualsiasi impianto. Non era stato possibile ottenere tanto in precedenza.
Ora tocca alla riforma Cartabia. Aggiungiamoci qualche reato da escludere in cambio dell’impianto che deve restare tale e quale e il gioco è fatto. Tutti contenti e tutti vincenti. Ma la vera vittoria resta nelle mani di Berlusconi e sodali non certo in quelle dei cittadini che avevano votato una forza proprio per interrompere la spirale di leggi dannose.

Autorevoli penalisti

Oggi cinque tra i più autorevoli penalisti hanno scritto a Draghi per far eliminare del tutto l’istituto dell’improcedibilità perché dicono: il progetto di riforma “solleva serie perplessità in ordine al principio di obbligatorietà dell’azione penale”. Aggiungono che la Corte europea dei diritti dell’uomo “sarà pronta a censurare l’improcedibilità nella parte in cui lede gli interessi della vittima del reato”.
Definiscono la riforma priva di qualsiasi forma di ragionevolezza.
Affermano che, a questo punto, sarebbe meglio tornare a fissare termini di prescrizione.
È ormai chiaro che non basteranno aggiustamenti a questa riforma per renderla digeribile. Vedremo se ad averla vinta sarà ancora una volta la strategia draghiana che darà i suoi frutti ai portatori di interessi vicini al premier, o se c’è ancora qualcuno che riesce a farsi guidare dal rispetto per i cittadini che non dovrebbero essere ingannati con slogan e dalla propria coscienza.

var url190316 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=190316”;
var snippet190316 = httpGetSync(url190316);
document.write(snippet190316);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23880 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.