Roma, inaugurato il “passetto” tra il San Giovanni e l’Addolorata

San Giovanni



Si è svolta oggi, presso il Comprensorio di Villa Fonseca del Policlinico Militare di Roma Celio, la cerimonia di inaugurazione del corridoio militare di servizio che collega l’Ospedale San Giovanni all’Ospedale Addolorata. Presenti all’evento il Direttore Generale del Policlinico Militare di Roma Celio, Tenente Generale Giacomo Mammana e il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata, Tiziana Frittelli.

L’inaugurazione

Nel rivolgere il saluto di benvenuto al personale sanitario del San Giovanni Addolorata, il Direttore del Policlinico Militare di Roma, Ten. Gen. Mammana, ha avuto parole di alta stima e grande considerazione per la collaborazione tra  le due realtà ospedaliere.

Il Direttore Frittelli ha ringraziato la Regione Lazio, in particolare, Massimo Annichiarico, attuale Direttore regionale salute e integrazione socio sanitaria, che nel suo precedente mandato si era fortemente adoperato per la realizzazione del protocollo attuativo tra le due strutture. Infine ha espresso gratitudine per il lavoro e la dedizione delle Forze Armate, in particolare dell’Esercito Italiano, protagoniste in prima linea nella gestione dell’emergenza pandemica e, attualmente, protagoniste di supporto strategico alle attività di vaccinazione, ancora in corso.

L’apertura del “passetto” è il risultato tangibile di un protocollo attuativo, in vigore dal 2014, per lo scambio di beni/servizi sanitari tra i due ospedali. Tale iniziativa, rientra tra le numerose attività in sinergia tra il Nosocomio Militare del Celio e l’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata.

Dal 2019 uno specifico protocollo d’intesa stipulato tra la Regione Lazio e il Ministero della Difesa ha reso possibile la collaborazione tra il personale sanitario del Celio e il Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata per decongestionare l’accesso dei pazienti.

Gli accordi, in tema di sinergie sanitarie tra Sanità militare e Regione Lazio, hanno portato progressivamente il Celio a mettere a disposizione fino a 40 posti letto in favore della popolazione civile. Il Corridoio militare di servizio consentirà un maggiore movimento esclusivo di mezzi di soccorso aziendali e di personale tra i due comprensori sanitari.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.