2 giugno 75° anniversario della Repubblica Italiana Medaglie d’Onore agli IMI

2 giugno



2 giugno Festa della Repubblica. Nelle Prefetture di molte città italiane verranno consegnate le medaglie d’onore ai familiari dei deportati civili e militari nei lager nazisti durante la seconda guerra mondiale. Tra loro gli IMI, acronimo di Internati Militari Italiani: i soldati italiani che per fedeltà alla Patria dissero NO al nazifascismo e preferirono la prigionia e gli stenti vissuti sulla propria pelle nei lager. Costretti a lavoro coatto per l’economia di guerra della Germania, tra i 650.000 soldati deportati circa un 10% non sopravvissero e in numero non quantificabile morirono negli anni a seguire, molti solo nei giorni successivi alla liberazione, a causa delle gravi malattie contratte in prigionia, prima tra tutte la tubercolosi.

L’associazione “Un ricordo per la pace” con sede ad Aprilia (Latina) è attiva da oltre 10 anni nel progetto ”MEMORIA AGLI IMI” in collaborazione con “ANRP” Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento e dalla Guerra di Liberazione. L’associazione assiste gratuitamente gli aventi diritto nelle richieste dell’onorificenza conferita con Decreto del Presidente della Repubblica agli ex deportati militari e civili a titolo di risarcimento morale per la fedeltà alla Patria dopo l’armistizio dell’Italia l’8 settembre 1943.

Un ricordo per la pace

Nella finalità di divulgare l’argomento IMI nel 2019 “Un ricordo per la pace” aveva rivolto un appello pubblico a Vasco Rossi, Francesco Guccini e Albano Carrisi, tutti figli di deportati militari in Germania, segnalando la possibilità di accedere all’onorificenza tramite l’assistenza gratuita dell’associazione.

Vasco Rossi tramite la sua assistente storica Tania Sachs accettò subito l’invito per il padre Giovanni Carlo Rossi e la medaglia venne consegnata alla vedova Novella Corsi il 27 gennaio 2020 presso la Prefettura di Modena. Una grande emozione per la rockstar che impegnata per motivi lavorativi negli Stati Uniti pubblicò nella stessa serata un commosso video-messaggio da Los Angeles.

Anche Teresa Guccini, figlia del cantautore Francesco, successivamente all’appello si mobilitò personalmente nella richiesta dell’onorificenza per il nonno Ferruccio, ritirata presso la Prefettura di Bologna il 27 gennaio di quest’anno, nel rispetto delle normative anti covid 19.

“ Da Albano ad oggi nessun riscontro – riferisce la presidente di “Un ricordo per la pace” Elisa Bonacini – ma siamo fiduciosi che il nostro invito, pubblicato da alcune testate online e di cui tramite PEC abbiamo cercato di rendere partecipe anche il Sindaco di Cellino San Marco avrà  prima o poi l’esito sperato, essendo noto l’affetto che lega Albano al padre Carmelo, legami fortissimi che vanno oltre la morte.”.

Tra le innumerevoli assistenze ad eredi di IMI di tutta Italia, ultimo nominativo legato a  personaggi famosi quello del padre dell’attore Roberto Farnesi, il Generale dei Bersaglieri Pilade Farnesi, internato militare in Polonia. Il 2 giugno presso la Prefettura di Pisa la famiglia Farnesi composta da Roberto, mamma Mariangela e le tre sorelle Elisabetta, Laura e Cristina riceveranno l’onorificenza alla memoria del padre deceduto nel dicembre 1993.

Immediata era stata la risposta dell’attore all’appello dell’associazione pubblicato da “Il Tirreno” di Pisa il 25 febbraio scorso. Pilade Farnesi era nato il 3 luglio 1914 a Pisa: per lui un duro vissuto di guerra e prigionia. La Campagna d’Africa e dopo l’armistizio dell’Italia la cattura a Reggio Emilia e la deportazione nei lager nazisti. Destinazione Polonia: prima l’internamento nello Stalag 367 a Tschenstochau (Częstochowa); nell’agosto 1944 il trasferimento nello Stalag XX-A pressoThorn / Toruń.

 

“Non conoscevo questa onorificenza – aveva commentato l’iniziativa il figlio, l’attore Roberto Farnesi – Io e le mie sorelle siamo molto felici ed ancor più nostra mamma Mariangela. Ringrazio l’associazione per l’impegno e spero di poter fare una visita ad Aprilia appena possibile, magari verso l’autunno quando l’emergenza covid sarà, speriamo, solo un lontano  bruttissimo ricordo”.

Riguardo il padre, l’attore aveva detto: “Papà è mancato che ero ancora un ragazzo, ricordo però che in casa di quel periodo travagliato ne ha parlato pochissimo. Mi ha avuto a 56 anni, andò in pensione presto ed ho avuto il piacere di trascorrere l’adolescenza con lui, di godermelo, insomma. Amava i film western di Sergio Leone che guardavamo insieme; mi ha trasmesso l’amore per il cinema e per il disegno. Quello che più ricordo di lui è il suo essere persona serena ed equilibrata, niente faceva trapelare le sofferenze passate nei lager nazisti. Ne sono molto orgoglioso, vorrei essere come lui”.

Nella ricorrenza della Festa della Repubblica, Elisa Bonacini

“Ho conosciuto molti figli di IMI deceduti a causa della deportazione ed a loro, in rappresentanza dell’ associazione, rivolgo il più forte abbraccio. Siamo felici di contribuire con il progetto MEMORIA AGLI IMI a render loro il  riconoscimento della Medaglia d’Onore, l’onorificenza che il Governo italiano conferisce agli IMI a titolo di risarcimento morale per la fedeltà alla Patria. In questi giorni stanno arrivando moltissimi messaggi di ringraziamenti da coloro che abbiamo assistito nelle pratiche di richiesta dell’onorificenza per i padri, spesso per i nonni. Cosa che ci fa immenso piacere perché la Memoria è un valore che deve necessariamente essere trasmesso alle giovani generazioni. Il nostro è un lavoro che ci impegna molto e che svolgiamo gratuitamente nel rispetto e nella stima profonda verso queste persone che ci hanno preceduto che sicuramente non erano eroi e neppure avrebbero voluto esserlo, ma che sulla base di grandi valori morali ci hanno donato una parte della nostra libertà. Grazie a tutti loro! W gli IMI! W la libertà! W la Repubblica! W L’Italia!”.

var url179017 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=179017”;
var snippet179017 = httpGetSync(url179017);
document.write(snippet179017);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23714 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.