Giappone, situazione covid a pochi mesi dalle olimpiadi

Tokyo



Covid, record contagi a Osaka, governo locale dichiara emergenza

Dopo il record del numero giornaliero di nuove infezioni registrato ieri con 878 casi, il governo della prefettura di Osaka, nel Giappone centrale, ha dichiarato formalmente lo stato di emergenza sanitaria a causa del rapido aumento dei nuovi casi di coronavirus che ha messo sotto pressione il sistema sanitario locale.

Motivi di maggiore preoccupazione al momento sono lo stress a cui sono sottoposte le strutture ospedaliere della prefettura, I cui posti disponibili di terapia intensiva sono vicini all’80%, e la diffusione delle nuove varianti del virus, che costituiscono il 50% dei nuovi casi.

“Ridurre anche solo di una persona il numero dei pazienti ricoverati sarebbe un aiuto prezioso per il sistema sanitario in questo momento. Mi appello alla collaborazione della popolazione affinché tutti seguano rigorosamente le misure anti-virus e si astengano da ogni tipo di uscita non indispensabile”, ha dichiarato il governatore Hirofumi Yoshimura in conferenza stampa.

Covid, Tokyo chiede al governo di dichiarare stato ‘pre-emergenza’

Il governo metropolitano di Tokyo, guidato dalla governatrice Yuriko Koike, ha chiesto al governo centrale di estendere le misure dello stato di pre-emergenza alla capitale.

Immediata la risposta da parte del primo ministro Yoshihide Suga che, in conferenza stampa, ha dichiarato: “il governo prenderà le misure necessarie a contenere la rapida crescita delle infezioni nella capitale e prenderà una decisione sulla dichiarazione dello stato di pre-emergenza dopo aver ascoltato la task force di esperti”.

Il bollettino aggiornato a ieri ha riportato nuovamente l’attenzione sulla capitale che, per la prima volta dopo due mesi, ha visto risalire il numero dei contagi giornalieri a oltre 500, a ormai meno di quattro mesi dalle Olimpiadi.

Agenzia Dire

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.