Vergani: “Noi di RES ci proviamo ma ora tocca agli italiani darci la fiducia”

res



Il governo dei migliori sembra arrancare mentre la gran parte degli italiani continua a non capire il perché di tanto immobilismo.

La pandemia morde forte così come morde la crisi che per molti significa disperazione.

Abbiamo intervistato, così, Stefano Vergani, presidente di RES, per ascoltare la voce di chi, giorno dopo giorno, sente la voce e le istanza di centinaia di piccole imprese.

La situazione di Governo si complica e gli italiani rischiano di incattivirsi visto che le cose non migliorano

“Sulla questione di governo pare evidente che ormai c’è un tracollo sempre più veloce ed inarrestabile…Una maggioranza che sembra un patchwork di gente strana e con idee contorte. I due partiti della vecchia maggioranza sembrano minati da dentro. Draghi, poi, si barcamena tra il rispetto alla parola data a Mattarella, al ricucire i rapporti con la UE e la situazioni sanitaria. Il paese è stanco di questa situazione ed è evidente a tutti che questa maggioranza è lì solo per mettere le mani sui fondi dell’UE”.

 

Cosa ne pensa dell’idea di Draghi di affidare lo studio e l’organizzazione del progetto UE ad una societa di consulenza privata?

 

“E’ il solito discorso: quando c’è un’emergenza saltano tutti i vincoli. Il delegato di turno gode del suo attimo di gloria e benessere.  Se da un lato Mc Kinsey è una riconosciuta realtà internazionale, dall’altro sembra il solito favore tra poteri forti. Se uno stato come l’Italia deve affidarsi ad una organizzazione esterna, vuol dire che quello che c’è all’interno non è all’altezza. Quello che chiedo a Draghi è: tutti i super manager a cosa servono? Cosa costerà questo appalto tra amici che sa molto di associazionismo? Se serve una Mc Kinsey che sia, allora, pagata con tutti gli stipendi ed incarichi affidati ai parlamentari”.

Sul caso Alitalia cosa dice?

“E’ l’ennesimo problema ingestibile. Mi ricordo quello che mi raccomandava illo tempore l’Ing. Roberto Schisano in merito: se gli italiani sapessero tutte o in parte le verità forse avverrebbe la prima rivoluzione vera in Italia”.

Non c’è alternativa allo sfascio?

“Se vogliamo rimanere in democrazia, l’unica speranza è che un movimento serio raccolga i voti necessari per contrapporsi a questo disastro continuo. Se la democrazia non riuscisse a colmare questo gap, la storia lo insegna, si prepara il terreno ad altri poteri. Noi di RES ci proviamo ma ora tocca agli italiani darci la fiducia”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21414 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.