Federico Conte: “Il presidente del consiglio non è mero esecutore”

federico conte



“No alle insidie e ai pericoli di un nuovo contratto di governo, che rischia di togliere prerogative e senso al ruolo costituzionale del Presidente del Consiglio”.

Lo dichiara Federico Conte, deputato di Liberi e Uguali

“Abbiamo già visto in passato, con l’esecutivo gialloverde – continua il parlamentare – che il contratto trasforma il capo del governo in un mero esecutore di volontà altrui, mentre il suo ruolo costituzionale è di fare sintesi di una volontà comune. Attenzione, quindi, nella discussione sui “contenuti” e sugli “assetti”, in corso in queste ore, a non depotenziare le funzioni importanti del Presidente del Consiglio dei ministri, che non dovrà essere messo sotto tutela da nessuno ma ricevere la fiducia di tutti per condurre l’azione di governo. Il lavoro generoso del Presidente della Camera va inteso come esplorazione della possibilità di un accordo politico in maggioranza. Se questa possibilità esiste, si vada oltre e si costruisca insieme alla persona che il presidente della Repubblica riterrà di incaricare di formare il governo – e che vede in Giuseppe Conte la personalità migliore -, una proposta programmatica unitaria e di sintesi per dare rapidamente e con urgenza al Paese le risposte che attende”.

 

Articolo Uno Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.