De Carlo: “La situazione lungo la Rotta Balcanica rappresenta un problema serio”

de carlo



È davvero incredibile che ancora oggi si assista in Aula a interventi di chi si limita ad accusare tra le righe il nostro Paese di essere responsabile degli atteggiamenti – da stigmatizzare – di alcuni Stati alle porte dell’Europa che come documentato riportano, spesso con violenza, i migranti al confine con la Bosnia.
Ed è ancora più assurdo che a lanciare queste accuse siano persone che evidentemente non hanno neanche avuto la premura di ascoltare le voci di un territorio che evidentemente non conoscono e che, soprattutto negli ultimi anni, ha toccato con mano i problemi legati al fenomeno dell’immigrazione via terra.

Ma quale sarebbe la proposta dei colleghi?

Eliminare le riammissioni informali che nell’anno appena concluso, hanno permesso, come diretta conseguenza dell’enorme lavoro che le nostre forze dell’ordine svolgono quotidianamente sul territorio, di effettuare 301 riammissioni dalla provincia di Gorizia e 1000 dalla quella di Trieste?
Secondo l’accordo bilaterale tra Italia e Slovenia – in essere dal 1996 e operante in parallelo al trattato di Dublino – è permessa la riammissione delle persone rintracciate immediatamente a ridosso della linea confinaria, tranne che per i minori, le persone malate o registrate nel sistema Eurodac e per chi ha ottenuto il diritto alla protezione internazionale.

Paese sicuro

Queste procedure di riammissione riguardano proprio la Slovenia dove vigono normative internazionali europee analoghe a quelle presenti nel nostro Paese e che, come anche la Croazia, è considerata Paese sicuro sul piano del rispetto dei diritti umani e delle Convenzioni internazionali.
È chiaro tuttavia che la situazione lungo la Rotta Balcanica rappresenti un problema estremamente serio su cui ci si deve confrontare con urgenza a livello europeo. Ecco perché non solo ritengo fondamentale portare avanti un’interlocuzione mirata con i nostri parlamentari europei, ma porterò anche personalmente il tema al prossimo Consiglio d’Europa dove sono membro della Commissione sulle migrazioni.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20566 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.