Vasco Rossi saluta Aprilia

vasco
Vasco Rossi saluta Aprilia



Saluti ed auguri all’Associazione “Un ricordo per la pace” ed alla città di Aprilia, sede dell’associazione, niente meno che dal Blasco nazionale, il rocker Vasco Rossi.

Ad inoltrare i saluti è Tania Sachs, collaboratrice storica di Vasco, che lo ha seguito passo passo nella straordinaria carriera ultra quarantennale. Grande soddisfazione in questi giorni per il rocker al top delle classifiche con l’ultimo pezzo “Una canzone d’amore buttata via” uscito in web al primo minuto del novello 2021 e presentato nella serata di Capodanno in tv nel programma di Roberto Bolle “Danza con me”; ed il successo per il videoclip della canzone girato in notturna a Piazza Maggiore a Bologna. Recentemente premiato con importanti riconoscimenti, quali il Premio Tenco 2020 ed il Nettuno d’oro, conferitogli dalla Città di Bologna.

Anno davvero triste

“Dopo un nefasto 2020 con gli auguri di Vasco inizia con i migliori presupposti il nuovo anno” riferisce Elisa Bonacini nel comunicato di “Un ricordo per la pace” a resoconto dell’attività annuale. “Un anno davvero triste quello appena terminato in cui tutte le attività sociali e socializzanti sono state penalizzate dalle restrizioni anti Covid e che ha visto un brusco stop anche delle nostre attività di memoria, del contatto con cittadini e studenti.”

È trascorso un anno da quando Giovanni Carlo Rossi, papà di Vasco ha ottenuto la Medaglia d’Onore alla memoria, onorificenza conferita con Decreto del Presidente della Repubblica ai deportati civili e militari nei lager nazisti (1943-1945).

“Era stato Vasco a rispondere all’appello della nostra associazione “Un ricordo per la pace pubblicato in un articolo del giornalista Walter Bellisi sul “Resto del Carlino” il 19 luglio 2019. – spiega la presidente Bonacini – La nostra associazione dal 2011 è attiva nel progetto MEMORIA AGLI IMI per onorare il NO al nazismo dei nostri soldati che dopo l’8 settembre 1943 rifiutarono la collaborazione con i tedeschi e pertanto vennero catturati e deportati nei lager in Germania. Quando abbiamo appreso da un post di Vasco sulla sua pg facebook le vicissitudini del padre prigioniero a Dortmund non abbiamo esitato nel proporgli di richiedere l’onorificenza per suo padre, scomparso nel 1979 quando Vasco era solo agli inizi della sua carriera musicale.

Vasco ci ha dato fiducia

E Vasco ci ha dato fiducia e ci ha concesso di portare avanti le pratiche per la richiesta dell’onorificenza, un bel risultato ottenuto grazie alla preziosa collaborazione del Comune di Zocca e del Sindaco Gianfranco Tanari.”

La cerimonia di consegna si è tenuta il 27 gennaio 2020 presso la Prefettura di Modena ove la Sig.ra Novella Corsi, vedova Rossi, ha ritirato con emozione l’onorificenza dalle mani del Prefetto Dott. Pierluigi Faloni. Con mamma Novella il figlio di Vasco, Luca, e la collaboratrice storica del Blasco nazionale, Tania Sachs. Assente per motivi lavorativi, Vasco aveva pubblicato poche ore dopo sui social un commosso video messaggio da Los Angeles, ringraziando per l’onorificenza conferita al padre.

Un anno questo trascorso- continua Elisa – che ha visto un boom di contatti alla nostra Associazione che sta impegnandosi a pieno ritmo per assistere gli aventi diritto ed i loro eredi nello svolgimento delle pratiche delle richiesta della medaglia. Grazie a Vasco divenuto inconsapevolmente il nostro “presidente onorario” ed alla diffusione mediatica della notizia si è messa a fuoco una parte della storia per molti versi un po’ dimenticata, ma così importante nel percorso dell’Italia verso la democrazia.”

Saluti ricambiati

Ricambiamo di cuore saluti ed auguri a Vasco e famiglia, a mamma Novella ed alla gentilissima Tania Sachs unitamente a tutti i fan apriliani e non.

Ed in questo voglio farmi portavoce degli auguri di quel gruppo di ragazzi sconosciuti che in una sera di dicembre presso il centro commerciale Aprilia 2 hanno fatto coro spontaneo sulle note di “Sally” e “Io e te come nelle favole” trasmesse dall’altoparlante di un bar: un’emozione da brividi.

Abbiamo tutti voglia di normalità, di tornare ad abbracciarci, a cantare insieme.

Che il 2021 sia l’anno della rinascita per tutti noi, come ha detto Vasco, per uscire finalmente dal tunnel nero della pandemia da Covid 19 che sta affliggendo il pianeta e tutti noi nel profondo dell’anima.”

Non manca Elisa di rivolgere un invito al rocker per una visita ad Aprilia : “Magari nei giorni dopo i suoi prossimi concerti a Roma previsti per il 26-27 giugno. Dai Vasco, non dire no!”

E termina Elisa con un ringraziamento speciale: “Grazie Vasco per non aver snobbato l’ impegno della nostra piccola associazione, a non aver lasciato che la nostra sia “una canzone di storia buttata via”.

 

(foto da https://www.facebook.com/vascorossi)

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20481 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.