Coldiretti, taglio Iva su take away aiuta 4 italiani su 10



L’ Iva agevolata al 10% per il cibo da asporto, il cosiddetto take away, consegnato a domicilio interessa quasi quattro italiani su dieci (37%) che ordinano personalmente, dal telefono o dal proprio personal computer pizza, piatti etnici o veri e propri cibi gourmet da consumare a casa.

E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare l’ipotesi di riduzione dell’Iva per i piatti pronti e pasti che siano stati cotti, arrostiti, fritti o altrimenti preparati in vista del loro consumo immediato, della loro consegna a domicilio o dell’asporto prevista da un emendamento alla manovra sotto la spinta dell’emergenza Covid.

L’impossibilità di servizio ai tavolo nei locali della ristorazione per combattere la pandemia – sottolinea la Coldiretti – ha fatto esplodere la diffusione di questa modalità di vendita tra gli operatori per evitare la chiusura totale. Una esperienza che si è diffusa anche in nuove realtà come gli agriturismi di Terranostra è che – precisa la Coldiretti – è stata colta da molti cittadini sia per il consumo quotidiano che per le occasioni speciali come le festività. Insieme alla crescita del fenomeno si è infatti registrata – conclude la Coldiretti – una qualificazione dell’offerta con la possibilità di acquistare anche piatti tipici di qualità, della tradizione locale e a chilometri zero.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22074 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.