Ex Ilva: tensione ieri in aula tra avvocati

ex ilva



Increscioso episodio ieri a Taranto nel corso dell’udienza nell’ambito del processo “Ambiente Svenduto” dinanzi la Corte d’Assise. Uno dei legali della difesa, infatti, in modo del tutto improvviso è passato alla violenza, minacciando uno degli avvocati del Codacons che rappresentava in aula le vittime dell’inquinamento e dei veleni prodotti dagli impianti ex Ilva.

IN UDIENZA UN LEGALE DEGLI IMPUTATI MINACCIA L’AVVOCATO CODACONS E AVREBBE AFFERMATO “TI SPACCO LA TESTA”

Il legale ha infatti avrebbe affermato, rivolgendosi ai difensori del Codacons: “Dopo ti spacco la testa”. Una frase minacciosa che non è passata inosservata a diverse persone presenti in aula, tanto da costringere l’Avvocato del Codacons a verbalizzare la propria preoccupazione nel dover riprendere a porre le domande al Professor Violante, Consulente delle difese di alcuni imputati.

L’AVVOCATO HA DOVUTO MANIFESTARE A VERBALE TUTTA LA PROPRIA PREOCCUPAZIONE PER QUANTO ACCADUTO

Evidentemente i legali degli imputati, dopo aver tentato in ogni modo di ostacolare il processo con una strategia ostruzionistica condannata dalla stessa Corte, hanno deciso di passare alla violenza fisica – commenta il Codacons – Un gesto di forte nervosismo, nell’attesa che venerdì il Tar del Lazio si pronunci sulla abnorme richiesta dell’ex Ilva di prolungare i tempi della bonifica ambientale, richiesta cui si oppone sia il Ministro dell’Ambiente che il Codacons.

 

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.