La Roma ha le carte in regola per vincere l’Europa League?

La Roma



Le coppe europee hanno consumato ormai metà della fase a gironi e molte squadre italiane sperano di riuscire a ritagliarsi nelle prossime settimane uno spazio per le fasi ad eliminazione diretta. Mentre in Champions sono Juventus, Inter, Atalanta e Lazio a sognare, in Europa League sono il Milan, il Napoli e soprattutto la Roma ad onorare il calcio italiano. La formazione giallorossa, allenata per il secondo anno consecutivo da Paulo Fonseca, sta delineando la sua nuova identità e ha finalmente compreso quali devono essere i punti di riferimento principali della rosa. In campionato sono già arrivati diversi risultati positivi e anche in campo internazionale il rendimento è più che sufficiente.

L’esperienza dei capitolini

L’esperienza dei capitolini nell’ultima edizione dell’Europa League non fu delle più felici. Dopo aver superato di riffa o di raffa il girone, la “Lupa” fu abbinata al Siviglia per gli ottavi di finale, che si sono disputati ad agosto in gara unica. Gli spagnoli, che hanno vinto più volte di tutti la competizione, hanno trionfato anche nella recente finale contro l’Inter. La Roma, momentaneamente privata di Smalling, potè fare ben poco. Eppure, le qualità per far bene anche al di fuori dei confini nazionali ci sono tutte. D’altro canto, i giallorossi l’hanno dimostrato ampiamente nel 2018, quando hanno raggiunto addirittura la semifinale di Champions League, superando il Barcellona e giocandosela fino all’ultimo contro il Liverpool.

Nonostante la carta d’identità, il bomber di riferimento è ancora Edin Dzeko. In estate il bosniaco sembrava a un passo dalla Juventus, ma una serie di operazioni concatenate tra loro non sono andate in porto e quindi l’attaccante ha continuato a sposare la causa della Roma. L’Europa League non può non essere un obiettivo per giocatori tanto esperti. Inoltre, la Roma ha appena cambiato proprietà e nulla può essere lasciato al caso. Nel dubbio che non si riescano a raggiungere le posizioni di vertice in campionato, vincere l’Europa League significherebbe accedere ugualmente alla prossima Champions. Young Boys, CSKA Sofia e Cluj non sono compagini in grado di impensierire una squadra che può vantare elementi alla stregua di Spinazzola, Mkhitaryan e Pedro.

Prematuro fare un pronostico

Ad oggi sarebbe sicuramente prematuro provare a fare un pronostico sulla futura vincitrice della competizione. Bisogna capire come si evolveranno le classifiche dei singoli gironi e soprattutto conoscere i nomi delle terze classificate nei raggruppamenti di Champions, che prenderanno parte ai sedicesimi di finale di Europa League. L’Inter, ad esempio, potrebbe essere una di queste squadre e rappresenterebbe un ostacolo non da poco per la Roma, che non possiede gli stessi mezzi tecnici dei nerazzurri.

La tifoseria giallorossa non riesce a festeggiare un trofeo addirittura dal 2008, dalla Coppa Italia conquistata ai danni dell’Inter. Da allora, solo qualche secondo posto e una finale persa, sempre in Coppa Italia, per di più contro gli eterni rivali della Lazio. Oggi se si consultano le quote scommesse Europa League si evince come queste non vedano favorita la Roma, ma non è escluso che fra due o tre mesi la situazione possa cambiare radicalmente. Se i giallorossi saranno ben piazzati in campionati, a gennaio il primo vero mercato dei Friedkin potrebbe regalare più di qualche sorpresa a una delle piazze più calde d’Italia.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.