PaP: “Il governo, stavolta con il favore delle tenebre, ha varato il nuovo DPCM”

governo



Il governo, stavolta con il favore delle tenebre, ha varato il nuovo DPCM.
I bar chiuderanno alle 18.00 e non si potrà stare ai tavoli in più di quattro solo se conviventi. I ristoranti potranno fare solo cibo da asporto fino alle 24.00. Contestualmente si chiudono, cinema e teatri, piscine e palestre. La scuola e le università si preparano a chiusure più dure, per le superiori già la didattica a distanza arriverà al 75%. Per il trasporto pubblico si rinvia ad un tavolo tra il ministero della salute e quello dei trasporti.
Nei fatti si tratta di un giocare con il fuoco, si chiude tutto ciò che non è produzione in attesa di norme di sostegno al reddito parziali, mettendo a rischio specialmente le fasce più deboli e sfruttate dei lavoratori a nero e a grigio nella ristorazione oltreché i piccoli esercenti. Sorge un atroce dubbio, che in alcune regioni dove sarebbe forse necessario un lockdown come la Campania e la Lombardia, non si faccia per questioni economiche, pur di non prevedere un sostegno al reddito generalizzato.

Manovra tardiva

In conclusione si tratta di una manovra spot e soprattutto tardiva, di un governo che ha preferito guardarsi allo specchio per 7 mesi piuttosto che pianificare risposte serie ed adeguate alla fase drammatica che stiamo vivendo, dal punto di vista sanitario ed economico. Assecondato da una falsa opposizione di destra ridicola e inconcludente.
Una soluzione c’è: una patrimoniale sui super ricchi, per mettere in campo il massimo dello sforzo sanitario contro il virus attraverso il potenziamento del sistema sanitario ospedaliero e territoriale. Garantire per il piccolo commercio spese zero-entrate zero, garanzia del reddito e della cassa integrazione per chi lavora, prosecuzione del blocco dei licenziamenti.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19581 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.