Il Papa, si cancelli il debito dei Paesi poveri

festa della mamma



Ascoltare il battito della creazione, sintonizzarsi sul ritmo del cuore del Creato per ritrovare una relazione con la casa comune, con Dio e i fratelli. Francesco, nel Messaggio per la Giornata Mondiale di Preghiera per la Cura del Creato, fa una riflessione profonda sul rispetto della terra, delle risorse che offre, dei mali provocati dall’uomo e della necessità di una “giustizia riparativa” come la cancellazione del debito per i Paesi poveri. Ma in quei battiti si ritrovano anche le ingiustizie inflitte ai popoli indigeni, ai più fragili privati della libertà perché “incatenati nei ceppi delle varie forme di schiavitù moderna, tra cui la tratta delle persone e il lavoro minorile”.

Un grido rumoroso e forte

“La pandemia – scrive il Pontefice – ci ha condotti ad un bivio. Dobbiamo sfruttare questo momento decisivo per porre termine ad attività e finalità superflue e distruttive e coltivare valori, legami e progetti generativi”. Proprio le tante iniziative fiorite anche a 5 anni dalla Laudato Si’ danno speranza nel futuro, rendono più rumoroso “il grido della Terra e dei poveri”. E’ un messaggio pieno anche di auspici e di indicazioni pratiche, una chiamata all’azione per i grandi della Terra invitati a raccogliere gli allarmi delle istituzioni, limitando la crescita della temperatura media globale e tutelando la biodiversità.

Un Giubileo per ricordare

La riflessione di Francesco si articola in 5 punti incentrati sul senso del Giubileo, col richiamo al tema dell’odierna Giornata Mondiale di Preghiera per la Cura del Creato – “Giubileo per la Terra” – che apre il Tempo del Creato che si estende fino al 4 ottobre nel ricordo di san Francesco di Assisi. Giubileo – scrive il Papa – come un tempo per ricordare che siamo soprattutto relazione “con Dio creatore, con i fratelli e le sorelle in quanto membri di una famiglia comune, e con tutte le creature che abitano la nostra stessa casa”. Una relazione che “è inseparabile dalla fraternità, dalla giustizia e dalla fedeltà nei confronti degli altri”.

L’avidità sfrenata dei consumi

È un tempo per comprendere che si vive in armonia con il Creato quando si è in pace con Dio, “fonte e origine di tutte le cose”. Questo implica il guardare agli altri, “ai più poveri e ai più vulnerabili”, in uno spirito non di “competizione scomposta” ma “in una comunione gioiosa, dove ci si sostiene e ci si tutela a vicenda”. È necessario ricordare che non siamo padroni ma parte di una rete, pertanto è fondamentale ascoltare i campanelli di allarme che arrivano, come “la disintegrazione della biodiversità, il vertiginoso aumento dei disastri climatici, il diseguale impatto della pandemia in atto sui più poveri e fragili”. Il tutto frutto dell’avidità sfrenata dei consumi:

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19338 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.