Papa Francesco: “Giovani usate la fantasia dell’amore verso i nonni”

angelus



I giovani, alberi pronti a crescere, ma con radici solide che sono i nonni. Papa Francesco all’Angelus definisce così i ragazzi di oggi chiamati, nel giorno in cui la Chiesa ricorda i santi Gioacchino e Anna, a non dimenticare i loro cari soprattutto in questo tempo di pandemia. Ai giovani chiede un gesto d’affetto, suggerisce strade da percorrere per non far sentire soli i loro nonni:

Vorrei invitare i giovani a compiere un gesto di tenerezza verso gli anziani, soprattutto i più soli, nelle case e nelle residenze, quelli che da tanti mesi, non vedono i loro cari. Cari giovani, ciascuno di questi anziani è vostro nonno! Non lasciateli soli! Usate la fantasia dell’amore, fare telefonate, videochiamate, inviate messaggi, ascoltateli e dove possibile, nel rispetto delle norme sanitarie, andate anche a trovarli. Inviate loro un abbraccio.

Le radici

Il Papa riprende poi i versi di un poeta argentino, Francisco Luis Bernárdez, già ricordato a Dublino nel 2018 all’Incontro Mondiale delle Famiglie, quando diceva che “i bambini non crescono nell’amore se non imparano a comunicare con i loro nonni”. Per essere solidi, infatti, bisogna avere radici solide. Radici che hanno un nome: i nonni.

Loro sono le vostre radici. Un albero staccato dalle radici non cresce, non dà fiori e frutti. Per questo è importante l’unione e il collegamento con le vostre radici. Quello che l’albero ha di fiorito viene da quello che ha di sotterrato, dice un poeta della mia patria. Per questo vi invito a fare un applauso grande ai nostri nonni, tutti!

Il pensiero del Papa poi è andato ai fedeli di Franca (Brasile), ai giovani dell’arcidiocesi di Modena-Nonantola e a quelli della parrocchia dei Santi Fabiano e Venanzio di Roma.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22651 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.