Live annullati: i voucher come rimborso non piacciono neppure a McCartney



“Dopo Commissione Ue e Antitrust, anche un importante esponente del panorama musicale dà ragione al Codacons, che da subito è sceso in campo per contrastare lo strumento del voucher come rimborso per eventi annullati”.

CODACONS: MCCARTNEY CI DÀ RAGIONE, VOUCHER SONO TRUFFA LEGALIZZATA AGLI UTENTI

Lo afferma il presidente Carlo Rienzi, commentando le dichiarazioni di Paul McCartney secondo cui

“È veramente scandaloso che coloro che hanno pagato un biglietto per uno show non possano riavere i loro soldi”.
“Già l’Unione Europea e l’Antitrust, ognuno per il proprio ambito di competenza, hanno avvisato il Governo circa i rischi legati ai voucher, che violano i diritti basilari dei consumatori – prosegue Rienzi – Obbligare gli utenti ad accettare voucher per biglietti relativi a spettacoli diversi da quelli acquistati, e il rifiuto degli organizzatori a restituire agli spettatori i soldi versati, è a tutti gli effetti una truffa, legalizzata dai provvedimenti del Governo che hanno autorizzato tale sistema”.

SI ATTENDE ORA DECISIONE COMMISSIONE UE SU ESPOSTO CODACONS

In attesa della decisione della Commissione Europea che dovrà pronunciarsi sul ricorso Codacons contro i voucher, invitiamo gli spettatori a scaricare la diffida pubblicata sul nostro sito e finalizzata ad ottenere il rimborso in denaro di concerti e spettacoli annullati, o a contattare per assistenza i nostri legali al numero 89349966 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 17.

 

 

Codacons CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.