Francesco: “Vicino ai Paesi che soffrono l’epidemia di Covid-19”

covid-19



Per la seconda volta all’Angelus, Papa Francesco si affaccia su Piazza San Pietro dalla finestra del Palazzo Apostolico. Dopo la catechesi si rivolge ai fedeli ricordando che la loro presenza “è segno che in Italia la fase acuta dell’epidemia è superata”.

Rimane la necessità – non cantare vittoria prima eh! Non cantare troppo presto vittoria – di seguire con cura le norme vigenti, perché sono norme che ci aiutano a evitare che il virus vada avanti. Grazie a Dio stiamo uscendo dal centro più forte, ma sempre con le prescrizioni che ci danno le autorità

Poi il pensiero del Papa va a quei Paesi dove invece la lotta al coronavirus è molto dura

Ma purtroppo in altri Paesi il virus sta facendo ancora tante vittime. Venerdì scorso, in un Paese, è morto uno al minuto! Terribile. Desidero esprimere la mia vicinanza a quelle popolazioni, ai malati e ai loro familiari, e a tutti coloro che se ne prendono cura. Con la nostra preghiera avviciniamoci.

Oltre 400mila vittime

Se il virus in molti Paesi europei rallenta, in America Latina invece il numero delle vittime cresce in modo rapido, secondo diverse stime, nell’ultima settimana, il numero medio di nuove infezioni da Covid-19 è stato di oltre 100mila al giorno. Dati che attestano che la crisi è tutt’altro che conclusa. I contagi nel mondo sono 6,9 milioni, 400mila le vittime con gli Stati Uniti che stanno pagando lo scotto piu alto con oltre 109mila morti. Dopo il Regno Unito con più di 40mila morti, c’è il Brasile che solo ieri ha visto crescere il suo bilancio di 904 unità portando il bilancio dei morti a 35.930. In America Latina c’è preoccupazione anche per il Perù, alle prese con una grave carenza di ossigeno. Accelera la trasmissione dei contagi anche in Medio Oriente e Africa.

Gesù fa il tuo cuore simile al mio

Francesco ricorda anche che il mese di giugno è dedicato al Cuore di Cristo, “una devozione – afferma – che accomuna i grandi maestri spirituali e la gente semplice del popolo di Dio”. Alla piazza che lo ascolta fa ripetere due volte “una piccola preghiera” imparata da Nonna Rosa, una frase: “Gesù fa il tuo cuore simile al mio”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22263 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.