La De Lorenzo sulla scuola precaria



Questa mattina ho letto la nota con cui il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha affrontato il tema della scuola ai tempi della pandemia, suggerendo un indirizzo politico in materia di istruzione che è stato ed è la stella polare del #Movimento5stelle: dalla abolizione delle classi pollaio, all’ampliamento degli organici fino alla stabilizzazione dei precari. Su questi temi incentrai la mia campagna elettorale alle politiche del 2018, quando mi fu proposta la candidatura nel collegio uninominale, dopo aver avviato tantissime iniziative di contrasto all’ennesima riforma non condivisa, la cd. “Buona Scuola” di stampo renziano, denunciando un progetto di scuola neoliberista e verticistica.

Ho sempre ritenuto che la storia imponga di stare da una parte: lo sapevano i giovani che durante la Resistenza lottarono per la libertà e la democrazia, le donne che a partire dagli anni ’50 scesero in piazza per l’emancipazione e l’eguaglianza dei diritti, i lavoratori che con le lotte operaie rivendicarono più tutele e diritti nelle fabbriche riuscendo ad ottenere la scrittura della Statuto dei lavoratori, una delle carte più avanzate al mondo in tema di tutela dei diritti.

Nel suo programma il Movimento 5 stelle è stato “partigiano” dei diritti dei lavoratori della #scuola che “rappresenta uno dei pilastri fondamentali su cui regge l’intero sistema di istruzione italiano”, impegnandosi per una politica di contrasto al “continuo sfruttamento del personale docente “ da attuare mediante “un piano di assunzioni pluriennale di tutto il personale precario avente diritto basato sull’effettivo fabbisogno delle scuole”.

Nessun esercizio di retorica per certi versi fastidiosa e anche un po’ stantia, ma la semplice lettura del programma consentono di affermare attraverso l’osservazione di questo tempo inedito e straordinario segnato dalla pandemia che la rinascita del Paese passa anche attraverso la cultura e l’istruzione che possono diventare il volano della crescita economica del Paese.

Dalla lettura della storia in cui siamo immersi e nella quale ciascuno è chiamato a fare la propria parte possiamo trarre riflessioni generali e mai banali a cominciare dal valore dell’art. 1 della Costituzione che contiene un messaggio quanto mai attuale e rivoluzionario: l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Insieme ai primi versi della Divina Commedia e alle strofe iniziali de “L’Infinito” di Leopardi, quell’articolo è l’incipit di un testo che gli italiani ricordano a memoria. Da esso derivano tutti i 138 articoli della Costituzione, un diritto “primario tra i beni primari” come lo ha definito magistralmente Gustavo Zagrebelski.

A poche ore dalla festa del #1maggio l’art. 1 della Costituzione torna prepotentemente nell’agone della politica che non può abdicare al progetto fondante inscritto nella sua Carta. Nella scuola come in ogni settore economico la precarizzazione deve essere combattuta con ogni mezzo perché rappresenta la patologia del più alto principio costituzionale, la pietra d’inciampo di ogni compromesso al ribasso.
Nel rispetto della #Costituzione e in attuazione del programma politico del Movimento occorre, adesso più che mai, garantire le migliori condizioni per un ordinato avvio dell’anno scolastico nel rispetto delle misure di distanziamento e divieto di assembramento, riducendo il numero di alunni per classe e garantendo agli studenti il pieno diritto allo studio, con la presenza sin dal primo giorno di scuola degli insegnanti delle discipline e dei docenti di sostegno affinchè nessun sia lasciato indietro.

La scuola italiana aveva bisogno di ridurre il numero degli alunni per classe, di annullare l’insopportabile sperequazione del tempo scuola tra le varie aree del Paese e di affrontare in modo strutturale il tema della “scuola precaria” già molto prima di questa emergenza sanitaria.

Da questa esperienza possiamo ripartire per affrontare il tema della stabilizzazione dei precari della scuola con un piano strutturale in grado di coprire le cattedre vacanti sin dal prossimo settembre, attraverso procedure semplificate, ma altrettanto rigorose e trasparenti.

La crisi che l’Italia è chiamata a fronteggiare non si esaurirà nel breve periodo. Occorre uno sforzo condiviso e uno sguardo coraggioso e lungimirante per investire sul lavoro, sulla scuola e la formazione: in una sola parola sul futuro dell’Italia sbloccando i grumi burocratici e superando posizioni incrostate di ideologia che ingabbiano nella torre eburnea di inapplicabili teorie slegate dalle vicende quotidiane.

Sarebbe una vittoria per il Paese dimostrando responsabilità, coerenza e capacità di rispondere alle esigenze di un tempo straordinario: non potremmo fare diversamente da quanto i cittadini hanno dimostrato sapientemente di fare in questi mesi con responsabilità, consapevolezza e generosità.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22322 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.