Coronavirus: è allarme case di riposo



Si moltiplicano i contagi da coronavirus nelle case di riposo di tutta Italia. Dopo il caso di Cingoli nelle Marche si registrano casi positivi nelle strutture per anziani in tutte le regioni, da Roma a Pisa, passando per Messina, Palermo, Pesaro. Coinvolte anche le case di riposo della Valle d’Aosta e dell’Alto Adige, dove molti anziani risultano positivi al coronavirus.

NELLE STRUTTURE SI MOLTIPLICANO CONTAGI

“Le case di riposo sono in questo momento le strutture più fragili ed indifese e quasi nessuno sembra occuparsene se non quando scoppia una emergenza – denuncia il presidente Carlo Rienzi – Occorre intervenire subito innanzitutto per isolare queste strutture chiudendo l’accesso a tutti tranne che al personale: niente visite da parte dei familiari, niente visite mediche di controllo ed esami strumentali se non strettamente necessari, niente contatto con fornitori vari, niente uscite da parte degli ospiti. Il personale assistenziale dovrà ovviamente essere dotato di dispositivi di protezione adeguati ed allertato e formato sui primi segnali dell’insorgenza del COVID-19”.

VANNO ISOLATE PER PROTEGGERE LA SALUTE DEGLI ANZIANI

“Ricordiamo che in questa emergenza sanitaria sono proprio gli anziani i soggetti più rischio, e la necessità di tutelare la loro salute impone di isolare totalmente le strutture dove questi alloggiano”conclude Rienzi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.