Crotone – Mesoraca (KR), denunciato un uomo perché deteneva illegalmente tre tartarughe protette e due vipere



Nel corso di un controllo eseguito in una abitazione privata a Filippa di Mesoraca i carabinieri hanno rinvenuto, nelle adiacenze di un magazzino del centro urbano, tre tartarughe di terra. L’accertamento svolto dai carabinieri forestali chiamati in supporto ha acclarato che i rettili erano della specie Testudo hermanni (dal nome del naturalista francese Jean Hermann), particolarmente protetta dalla Convenzione di Washington (1973). Essa è l’unica specie di testuggine autoctona del Sud Italia ed è sottoposta ad un forte prelievo dal suo ambiente naturale che ne mette a rischio la sopravvivenza. Nel corso dell’attività sono state rinvenute anche due aspidi (Vipera aspis) la cui detenzione non è consentita, conservate in soluzione liquida in un recipiente di vetro.

Tartarughe, aspidi detenuti illegalmente

Il detentore non ha fornito alcuna documentazione attestante la provenienza lecita degli esemplari ed è stato così deferito all’Autorità giudiziaria. Gli animali sono stati posti sotto sequestro, già convalidato dall’Autorità giudiziaria, e le testuggini saranno trasferiti al CRAS, il Centro recupero animali selvatici di Catanzaro.

Specie protette

La Convenzione di Washington, più comunemente conosciuta come CITES (Convention on International Trade in Endangered Species), è un accordo internazionale tra Stati che ha lo scopo di proteggere piante ed animali a rischio di estinzione, regolando e monitorando il loro commercio, ovvero esportazione, riesportazione e importazione di animali vivi e morti, di piante, nonché di parti e derivati.

L’attività di controllo è stata eseguita dai carabinieri forestali congiuntamente ai militari della territoriale, mettendo a fattor comune le competenze specifiche di ogni unità, espressione dell’Arma dei Carabinieri.
 

Carabinieri comunicati stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.