Coronavirus, il virologo Caruso: “Quel che si chiede è soltanto un senso di responsabilità”

Arnaldo Caruso



Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in città” condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus.

Sul lavoro a Brescia

“Siamo notte e giorno a lavorare per garantire la diagnosi dei pazienti affetti da Coronavirus –ha affermato Caruso-. L’atmosfera è di grande responsabilità e senso di dovere, siamo qui a lavorare e non pensiamo ad altro”.

Sulle misure di contenimento

“Dire agli italiani di non uscire altrimenti succede qualcosa di brutto a livello di sanzioni non è possibile in una democrazia. Quindi l’unica cosa è spiegare che avere senso civico e atteggiamento responsabile aiuterà a contenere il virus. Gli anziani possono uscire, è bene che escano, facciano la loro passeggiata per tenersi in forma. Quel che si chiede è soltanto un senso di responsabilità, visto che nessuno può sapere chi ha di fronte in quanto anche un soggetto asintomatico può trasmettere il virus, cerchiamo di mantenere le regole del buon senso stabilite dall’ISS.

Vivere una vita normale, evitando assembramenti e vicinanza troppo stretta alle persone. Isolamento Lombardia e 14 province del nord? Considerando che ognuno è lasciato libero di far quello che vuole, queste misure mi sembrano un po’ drastiche perché non limitano niente. Richiamare al senso comune di responsabilità forse sarebbe bastato. Certamente, quando vediamo assembramenti di giovani in giro per le città, a quel punto il fatto di essere una zona rossa non ha alcun senso. Il modo per fermare il virus c’è, dobbiamo cercare di essere responsabili”.

Sulla comunicazione riguardo il Coronavirus

“Il virus è stato preso sottogamba. L’evidenza che avevamo dalla Cina avrebbe dovuto farci pensare da subito che sarebbe stata un’emergenza nazionale. Dovevamo far tesoro di quanto accaduto in Cina per prendere misure di precauzioni internazionali. Una volta entrato nel nostro mondo c’è poco da fare perché il virus è più di 100 volte pericoloso rispetto all’influenza e ha maggiori capacità di diffusione. Il problema è che ognuno ha potuto dire la sua in tv, anche la persona meno esperta di questo mondo e questa è una cosa gravissima. Bisogna cercare di capire con gli esperti cosa fare e cosa dire alla popolazione. Se invece parla chiunque nascono gli schieramenti, chi si schiera a favore e chi contro”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.