Napoli, due giovani vite bruciate



In una vicenda dove ancora non sono note le dinamiche, dove a perdere, al di là di tutto, sono lo stato (il grande assente) e i genitori (che valori hanno trasmesso e a chi pensavano?), prima di esprimere giudizi definitivi, ci andrei cauto.
Di certo, seppur a soli 15 anni, se vai in giro in piena notte con una pistola (con pochissima luce e sotto minaccia, anche i più esperti farebbero fatica a riconoscere se sia vera o falsa) e tenti una rapina, tanto “nu brav’ uaglion” non devi essere.
Di contro, chi ha sparato deve spiegare perchè andasse in giro con la pistola e perchè ha sparato più volte (una pistola falsa non risponde…).

In uno stato civile

In uno stato civile chi è in difficoltà deve essere aiutato così come le difficoltà non devono giustificare certe azioni.
In uno stato civile se vado in giro con la mia ragazza non devo essere minacciato.
In uno stato civile gli autori dell’assalto al Pronto Soccorso, oltre a risarcire i danni, devono marcire in galera.
Ci sono telecamere che hanno ripreso tutto e tutti; non ci sono scuse.

Due giovani vite bruciate

L’unica cosa che mi sento di dire definitivamente è che due giovani vite si sono bruciate.
Una che non potrà più sbocciare, l’altra che vivrà con un enorme peso sulla coscienza.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24148 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.