Il Papa ai Legionari di Cristo: “Proseguire il cammino di rinnovamento”



Il cammino di rinnovamento “non è terminato”: “deve proseguire” perché “il cambiamento di mentalità nelle singole persone e in una istituzione richiede molto tempo di assimilazione”, quindi una “continua conversione”. Lo evidenzia Francesco nel discorso trasmesso al Capitolo generale dei Legionari di Cristo e alle Assemblee generali delle Consacrate e dei Laici del Regnum Christi: come reso noto dal direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, a proposito della lieve indisposizione del Papa, stamani il Pontefice – pur proseguendo gli incontri in agenda a Casa Santa Marta – non ha ricevuto in udienza le rappresentanze dei Legionari di Cristo e del Regnum Christi.

Crisi istituzionale e personale

Nel testo, Francesco ricorda come una “tappa” del cammino intrapreso da tali realtà i recenti “eventi elettivi dei nuovi governi generali”.

I comportamenti delittuosi tenuti dal vostro fondatore, il P. Marcial Maciel Degollado, che sono emersi nella loro gravità, hanno prodotto in tutta l’ampia realtà del Regnum Christi una forte crisi tanto istituzionale quanto delle singole persone. Infatti, da una parte non si può negare che egli è stato il fondatore “storico” di tutta la realtà che rappresentate, ma dall’altra non lo potete ritenere come un esempio di santità da imitare. È riuscito a farsi considerare un punto di riferimento, mediante una illusione che era riuscito a creare con la sua doppia vita. Inoltre, il suo lungo governo personalizzato aveva in una qualche misura inquinato il carisma che originariamente lo Spirito aveva donato alla Chiesa; e ciò si rifletteva nelle norme, nonché nella prassi di governo e di obbedienza e nell’impostazione di vita.

Conversione del cuore e della mente

Di fronte alla “scoperta” di questa situazione, la Chiesa – evidenzia il Papa – non ha fatto mancare la sua “sollecitudine materna”, con “diversi mezzi”, ponendo “accanto” alle comunità esistenti “persone di grande sensibilità umana e pastorale, nonché di riconosciuta competenza giuridica”.

Tensioni molto forti

Francesco nota come tali contesti si siano “aperti con coraggio all’azione dello Spirito Santo”, entrando così nel percorso di un “vero discernimento”.

Accompagnati dalla Chiesa, avete svolto con pazienza e disponibilità un lavoro impegnativo per superare le tensioni anche molto forti che talvolta si sono prodotte. Questo ha sollecitato un ulteriore cambio di mentalità, perché richiedeva una nuova visione nei mutui rapporti tra le diverse realtà che compongono il Regnum Christi.

Far lavorare lo Spirito Santo

Francesco, chiarisce, sa “bene” come non sia stato facile tale processo.

Ciò a cui siamo più fortemente legati sono le nostre idee e spesso ci manca una vera indifferenza, alla quale ci dobbiamo aprire con un atto della nostra volontà, per far lavorare lo Spirito Santo dentro di noi. Lo Spirito ci conduce al distacco da noi stessi e alla ricerca della sola volontà di Dio, perché solo da essa viene il bene di tutta la Chiesa e di ciascuno di noi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20523 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.