Buche, allarme dei medici. Più cadute e incidenti per strade buie



L’ordine dei medici di Roma conferma in pieno l’allarme lanciato dal Codacons circa le conseguenze che buche stradali e marciapiedi sconnessi hanno sull’incolumità dei cittadini, e attraverso il presidente dell’ente, Antonio Magi, denuncia oggi un incremento nella capitale di incidenti e cadute.

CODACONS: MEDICI CONFERMANO NOSTRO ALLARME, NEGLI ULTIMI ANNI BOOM DI LESIONI DOVUTE A BUCHE E MARCIAPIEDI SCONNESSI

“Negli ultimi due anni abbiamo registrato a Roma un boom di incidenti che hanno visto coinvolti pedoni, causati dallo stato disastroso dell’asfalto – spiega il presidente Carlo Rienzi – Disabili, donne incinte o anziani che sono rovinati a terra dopo aver messo il piede in una buca o nell’asfalto sconnesso, insidie rese invisibili dalla scarsa illuminazione, dalla pioggia o dalle foglie che in autunno e in inverno ricoprono i marciapiedi di Roma”.

MA PER TRIBUNALI LA RESPONSABILITA’ DI CADUTE E INCIDENTI E’ DEL CITTADINO

“Peccato tuttavia che per i giudici del tribunale, cui il Codacons si è rivolto intentando una vera e propria class action contro l’amministrazione, la responsabilità di cadute e incidenti sia da attribuire unicamente al cittadino, che quando cammina per la città ha l’obbligo di non staccare gli occhi da terra e di evitare voragini e avvallamenti, anche quando questi sono praticamente invisibili” – conclude Rienzi.
Proprio in favore dei cittadini che hanno subito danni fisici a causa dello stato dell’asfalto nella capitale il Codacons, in collaborazione con le farmacie del gruppo Mazzini, ha lanciato da tempo un servizio di visite fisioterapiche gratuite prenotabili al numero verde 800582493.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.