Milano, approvato il regolamento che disciplina i Servizi Abitativi Transitori



Con 27 voti favorevoli, il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità il regolamento per l’istituzione e il funzionamento del nucleo tecnico incaricato di valutare l’opportunità di assegnazione degli alloggi destinati ai Sat, Servizi abitativi transitori, che per l’anno in corso non potranno superare il 10% dell’intero patrimonio abitativo, sia per quanto riguarda le proprietà comunali sia per quelle di Aler. Il nucleo, oltre che di incaricati del Comune e di Aler, in casi particolari potrà avvalersi anche del parere di alcuni rappresentanti delle Organizzazioni sindacali degli inquilini, come previsto da un emendamento approvato dal Consiglio.

Misura importante

Quelle riconducibili ai Sat sono unità abitative che fanno parte del patrimonio pubblico, cui è possibile accedere se in possesso degli stessi requisiti richiesti per la domanda di case popolari, e il cui contratto può durare al massimo un anno, rinnovabile solo una volta per un altro anno. I destinatari sono in particolare nuclei familiari sfrattati o il cui appartamento è stato pignorato, con provvedimenti già eseguiti o in via di esecuzione. In caso di assegnazione, dovranno sottoscrivere con gli uffici comunali un Patto di accompagnamento per l’autonomia socio-economica e di partecipazione al primo bando Sap utile.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar photo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 24115 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.