Nuovo esposto alla Procura di Verona sul caso Dieselgate



Il Codacons ha chiesto infatti alla magistratura di accertare chi abbia diffuso alla stampa informazioni false circa la richiesta di archiviazione per i vertici della Volkswagen Italia, notizia poi pubblicata dai quotidiani locali indotti loro malgrado in errore.

INCREDIBILE FAKE NEWS PASSATA AD UN SERIO GIORNALE VENETO HA DANNEGGIATO LA TESTATA E CREATO IL PANICO TRA I PROPRIETARI DI AUTO VOLKSWAGEN

Dopo due anni di incidente probatorio e centinaia di migliaia di euro spesi per accertare la truffa delle emissioni falsificate sui motori diesel, ignoti hanno fatto pervenire alla stampa l’errata notizia di richiesta di archiviazione dell’inchiesta per assenza di dolo nei confronti degli imputati. Ma si è scoperto solo oggi che la notizia in questione era una fake news, che ha gettato nel panico migliaia di proprietari di auto Volkswagen coinvolti nello scandalo e generato discredito sulla magistratura che tuttora indaga. Se infatti non c’è oggi la prova del dolo, la stessa non esisteva nemmeno due anni fa, e il costoso incidente probatorio non poteva essere nemmeno iniziato poiché sarebbe stato solo una causa di ingiusto danno all’erario.

CODACONS PRESENTA UN ESPOSTO IN PROCURA PER DIFFUSIONE DI NOTIZIE FALSE A TUTELA DELLA TESTATA E DEI MAGISTRATI INQUIRENTI

Per tale motivo il Codacons ha deciso di chiedere alla Procura della Repubblica di Verona di accertare chi si nasconda dietro tale manovra che ha danneggiato sia i giornali che hanno pubblicato la notizia, sia l’operato della magistratura, sia i consumatori parte offesa nel procedimento penale.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.