Roma, maltrattamenti in famiglia: arrestato un nigeriano

Sperona auto della Polizia di Stato: arrestato 19enne a Cassino



Maltrattamenti in famiglia, rapina e lesioni aggravate nei confronti della compagna originaria del Sierra Leone e residente a Roma. Questi i reati contestati sull’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di O.O. 35enne, nigeriano.

Le indagini

Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Flaminio Nuovo diretto da E. Massimo Fiore, in seguito alla denuncia sporta dalla parte lesa, hanno avviato un’indagine, documentando le ripetute vessazioni e violenze, sia fisiche che morali subite dalla donna che, in un’occasione era stata addirittura vittima di rapina sempre ad opera del suo compagno.

In particolare, lo scorso ottobre una pattuglia del commissariato è intervenuta presso l’abitazione della donna su segnalazione di un testimone che, udendo delle urla provenire dalla strada, si accorgeva della presenza di una donna in terra e di un uomo a lei vicino che la insultava. L’aggressore a quel punto, accortosi della presenza di diverse persone oltre al testimone, si dava alla fuga.

L’intervento degli agenti

I poliziotti arrivati sul posto, hanno soccorso la donna accompagnandola al più vicino pronto soccorso dove ha riferito di essere stata aggredita dal 35 nigeriano il quale, mentre con una mano la teneva per il collo, con l’altra brandiva un coltello da cucina e, minacciandola, le diceva testuali parole: “Se chiami la Polizia…ti ammazzo” – le sottraeva il portafogli  dove teneva due carte di credito e i documenti personali e si allontanava prima dell’arrivo degli operatori di Polizia, facendo perdere le proprie tracce.

Alla donna in quell’occasione sono state diagnosticate: escoriazioni multiple e contusioni all’arto superiore sinistro.

La nuova segnalazione al NUE

Passano alcuni giorni e una nuova segnalazione giunge al NUE: questa volta a chiamarli è il coinquilino della vittima per comunicare  che l’aggressore era di nuovo sotto casa e che stava dando in escandescenza. Arrivati sul posto i poliziotti del commissariato, nel tentare di tranquillizzarlo, sono stati aggrediti e una volta bloccato è stato arrestato per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

Sentita la vittima in diverse occasioni, emergevano con chiarezza tutti i soprusi e le violenze che era stata costretta a subire fino alla rapina.

L’arresto

A conclusione dell’indagine, la Procura della Repubblica ha emesso a carico del malvivente un ordine di esecuzione per la carcerazione ma, nel frattempo, O.O. si era dato alla latitanza.

Rintracciato a Crotone, grazie all’ausilio dei colleghi della Squadra Mobile del posto, il 35enne è stato arrestato e condotto presso il carcere calabrese.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13100 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.