La Corte di Appello di Roma annulla gli aumenti tariffari disposti da Acea Ato 2



Gli aumenti tariffari applicati da Acea Ato 2 dal 2002 al 2012 sono illegittimi. È quanto stabilito dalla Corte di Appello di Roma, che ha emesso una sentenza che riguarda le bollette idriche destinate agli utenti residenti nel Comune di Fonte Nuova in provincia di Roma, ma che rappresenta un precedente per tutti i Comuni serviti da Acea Ato 2. Una vittoria per i consumatori, assistiti nel lungo procedimento giudiziario dall’Associazione Codici, pronta ora a portare la vicenda all’attenzione di Procura, Mef, Antitrust e Arera. La sentenza è stata pubblicata lo scorso 11 dicembre e, a parziale conferma di una pronuncia del 2014 del Tribunale civile di Tivoli, dichiara anche non dovute alcune voci tariffarie come la cosiddetta “quota depurazione” e il cosiddetto “minimo impegnato”.

I fatti

Ma andiamo con ordine e ricostruiamo una vicenda giudiziale iniziata oltre 10 anni fa. È il 2008 quando il Gestore del Servizio Idrico Integrato, Acea Ato 2 Spa, che aveva preso in consegna le infrastrutture del Comune di Fonte Nuova, applica retroattivamente piani e aumenti tariffari, risalendo fino al 2002. Si arriva così all’addebito in fattura di voci tariffarie anche per migliaia di euro per ogni utente. Ne nasce quindi un contenzioso, promosso da un gruppo di cittadini, che si organizzano in un comitato locale (Comitato Acqua Fonte Nuova, ora Comitato Civico Cittadini per Fonte Nuova è Nostra) guidato da Donatella Ibba e si rivolgono all’Associazione Codici per ricevere assistenza.

Il giudizio

Il giudizio, patrocinato dall’avvocato Carmine Laurenzano dell’Ufficio Legale di Codici, si protrae per 10 anni nel corso dei quali gli utenti dimostrano l’illegittimità degli aumenti tariffari (la maggior parte applicati retroattivamente e in assenza dei presupposti di legge), la prescrizione di gran parte delle voci addebitate in fattura e l’assenza di depuratori funzionanti. Con una prima pronuncia del 2014, il Tribunale di Tivoli annulla tutti gli aumenti tariffari dal 2002 al 2008, lasciando tuttavia senza esito le altre richieste dei cittadini. Acea Ato 2 presenta appello contro questa pronuncia, mentre gli utenti presentano appello incidentale per chiedere l’annullamento anche delle altre voci tariffarie.

Oggi

Arriviamo così ai giorni nostri ed alla sentenza dello scorso 11 dicembre, con cui la Corte di Appello di Roma rigetta l’appello promosso da Acea Ato 2 e accoglie parzialmente l’appello incidentale promosso dagli utenti, decretando l’illegittimità di tutti gli aumenti tariffari applicati dal 2002 al 2012, l’assenza di depuratori funzionanti a norma di legge nell’area in questione e pertanto l’illegittima applicazione in fattura della quota depurazione sempre dal 2002 al 2012.

La soddisfazione

In attesa di nuovi sviluppi, si registra anche la soddisfazione dei cittadini. “Nel 2008 mi sono accorta che stavano arrivando delle bollette pazze – racconta Donatella Ibba, oggi Presidente di Cittadini per Fonte Nuova è Nostra – costituito il Comitato, ho evidenziato 9 punti di contestazione e, grazie al sostegno di Codici ed al grande lavoro dell’avvocato Laurenzano, abbiamo intrapreso una battaglia che dopo 10 anni ha prodotto una vittoria importantissima. Quella della Corte di Appello di Roma è una sentenza che fa giurisprudenza. Ora ci aspettiamo l’apertura di un percorso che porti al rimborso dei cittadini anche su depurazione e fognatura, visto il paradosso di chi non è nemmeno collettato, come i residenti di Santa Lucia”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23923 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.