Allarme per le nuove tencologie digitali. Non tutelano la privacy



I consumatori sono vittime delle nuove tecnologie digitali, e la loro privacy non è adeguatamente garantita, in quanto i dati sensibili degli utenti sono in mano alle grandi aziende. La denuncia arriva dal presidente Codacons, Carlo Rienzi, intervenuto nel corso del convegno I-Com dedicato proprio alle “tecnologie digitali e nuovi consumerismi”.

DATI SENSIBILI IN MANO A GRANDI AZIENDE

Gli utenti sono vittime inconsapevoli dei nuovi strumenti digitali, e spesso non sanno che i loro dati sensibili sono in mano a multinazionali e grandi aziende, che non sempre fanno di tali informazioni un uso corretto, come dimostrano i recenti casi saliti all’onore delle cronache – ha sostenuto Rienzi – Piattaforme digitali e Blockchain non hanno certo il fine di tutelare gli interessi dei consumatori, e sono state create dalle imprese con lo scopo di fare profitto.

Dubbi dal presidente Codacons anche sull’intelligenza artificiale

“Il rischio è che il consumatore non possa controllare lo sviluppo di questi moderni sistemi, e ne resti schiacciato, perdendo il rapporto con la persona umana, già messo a dura prova dall’avvento dei social network che, come dimostrato da numerose ricerche, hanno portato i più giovani a sviluppare vere e proprie forme di dipendenza e disturbi psico-fisici sempre più frequenti”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.