Bimba morta in chiesa a Udine. Il Codacons chiede di indagare su parroco e diocesi



Sul caso della bambina morta a Udine a causa della caduta di un’acquasantiera interviene il Codacons, che chiede di indagare sul rispetto delle norme di sicurezza all’interno della chiesa teatro della tragedia.

RESPONSABILITA’ GRAVA SU PROPRIETARIO BENE

Si tratta di un incidente molto grave, e crediamo che la magistratura debba formalmente indagare il parroco della chiesa e la diocesi competente allo scopo di verificare che all’interno della chiesa fossero rispettate le norme in materia di pubblica sicurezza – spiega il Codacons – La Cassazione ha infatti stabilito in modo netto come la responsabilità da omessa custodia di un bene destinato all’attività di culto, anche se per consuetudine asservito ad un uso pubblico e quindi frequentato dalla collettività dei concittadini, grava sul proprietario del bene. Questo significa che a rispondere sono la parrocchia o la diocesi, e non l’ente territoriale su cui insiste il bene (il Comune), a meno che non sia dimostrata una detenzione o un potere di fatto dell’ente territoriale sulla cosa.

VERIFICARE IL RISPETTO DELLE NORME DI SICUREZZA

Per tale motivo e perché si faccia chiarezza sull’accaduto, crediamo che la magistratura debba compiere le dovute indagini e accertare le responsabilità dell’incidente, con particolare riferimento al rispetto delle norme di sicurezza all’interno della chiesa dove si è verificata la disgrazia – conclude il Codacons.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.