Denuncia AMA. Codacons chiede rimborso Tari e riduzione tariffa sul prossimo anno ad utenti



L’indagine dei Carabinieri del Noe che ha portato alla denuncia nei confronti dei dirigenti Ama apre la strada ai rimborsi della Tari in favore dei cittadini romani. Lo afferma il Codacons, che si dice pronto a sommergere l’azienda con una valanga di ricorsi.

INDAGINI NOE LEGITTIMANO RICHIESTE RIMBORSO PER MANCATA RACCOLTA DEI RIFIUTI.

“La denuncia dei Carabinieri conferma in modo definitivo l’inadeguata attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti, e di fatto legittima gli utenti colpiti dal disservizio a chiedere, così come prevede la legge in tali casi, il rimborso dell’80% della Tari pagata – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ora l’Ama non può più nascondersi dietro cavilli o scuse e dovrà risarcire tutti i cittadini residenti nei municipi oggetto dell’indagine del Noe, pena una denuncia in Procura per gravi reati omissivi”.

PRONTI A SOMMERGERE AMA CON VALANGA DI RICORSI

Invitiamo tutti i cittadini romani a scaricare l’apposito modulo di rimborso alla pagina https://codacons.it/azione-rifiuti-roma-agisci-la-restituzione-delle-somme-percepite-illegittimamente-dallama/ e diffidiamo la sindaca Virginia Raggi a disporre la riduzione della tariffa rifiuti per il prossimo anno, in relazione ai disservizi registrati negli ultimi mesi a Roma.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.