ArcelorMittal abbandona l’ex Ilva di Taranto



Le reazioni dopo la decisione di ArcelorMittal di abbandonare l’ex Ilva di Taranto

ArcelorMittal sfugge alle proprie responsabilità e agli obblighi contrattuali assunti con i Commissari usando a pretesto l’incauta decisione del governo sullo scudo penale. L’interesse del Paese è sempre lo stesso: continuare a produrre acciaio a Taranto e negli altri stabilimenti anche per garantire l’autonomia e l’approvvigionamento del nostro sistema industriale e di fare tutti gli investimenti necessari ed urgenti per la difesa dell’ambiente e delle condizioni di lavoro. La crisi dell’acciaio è una crisi europea e non solo italiana e ancora oggi manca una minima strategia di difesa dell’industria europea. Il governo deve chiamare immediatamente ArcelorMittal al rispetto degli accordi e in ogni caso deve immaginare una soluzione di continuità produttiva e occupazionale.

Lo afferma il deputato di LeU Guglielmo Epifani.

 

La decisione di Arcelor Mittal di abbandonare l’ex Ilva di Taranto è gravissima e apre la strada a una  crisi produttiva e occupazionale inaccettabile.
Articolo Uno ritiene che la tutela della salute dei lavoratori e dei cittadini non possa essere contrapposta alla attività industriale di questo sito strategico.
Tutela ambientale, salute e produzione possono e devono stare insieme così come accade in altre importanti acciaierie nel mondo.
Il Governo si deve adoperare immediatamente per scongiurare l’esplosione di un’emergenza sociale di enormi dimensioni riportando Arcelor Mittal al rispetto dei suoi obblighi contrattuali e al tempo stesso impegnandosi a risolvere la questione dello scudo penale.
Per questo è necessario il confronto con le istituzioni nazionali e locali e con i sindacati.

Lo ha dichiarato Piero Latino, responsabile nazionale Lavoro di Articolo Uno

 

Articolo1 Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.