Istat. Ottobre inflazione stabile a 0,3%



L’inflazione ferma allo 0,3% è una pessima notizia per l’economia italiana, perché rispecchia lo stallo dei consumi con la spesa delle famiglie praticamente ferma che non riesce a ripartire. Lo afferma il Codacons, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat.

CODACONS: E’ PESSIMO SEGNALE PER ECONOMIA. CONSUMI FERMI AFFOSSANO INFLAZIONE. DA MANOVRA MISURE CHE RISCHIANO DI RIDURRE ANCORA SPESA FAMIGLIE

“Tutti gli analisti sono concordi nell’affermare che una inflazione così bassa non è certo un bene per la nostra economia, e sarebbe una follia leggere in chiave positiva il dato odierno – spiega il presidente Carlo Rienzi – I prezzi infatti rimangono sostanzialmente fermi perché i consumi non ripartono, con effetti a catena sull’industria e sul Pil. Se i consumatori non comprano, i listini al dettaglio rimangono stabili e non crescono, come dimostrano i dati diffusi oggi dall’Istat”.

MAGGIORE SPESA SCENDE A +93 EURO ANNUI PER FAMIGLIA “TIPO”

Allo stato il tasso di inflazione allo 0,3% porta la maggiore spesa a carico delle famiglie a ridursi a quota +122 euro su base annua per un nucleo con due figli, e appena +93 euro annui per la famiglia “tipo”.
“Ma il rischio ora è che alcune misure palesemente sbagliate contenute nella Manovra, come la plastic tax e la sugar tax, possano avere ripercussioni sulla spesa delle famiglie, portando ad una ulteriore riduzione dei consumi nei comparti colpiti dalle nuove tasse” – conclude Rienzi.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.