Seggiolini anti-abbandono. Legge ferma per motivi burocratici. La denuncia del Codacons



Dopo l’ultimo terribile episodio avvenuto l’altro giorno a Catania, che ha visto la morte di un piccolo di soli 2 anni, dimenticato dal papà sul seggiolino dell’auto per qualche ora, scoppia la polemica sulla mancata attuazione di una legge già pronta ma ferma per motivi burocratici, che riguarda i “seggiolini anti-abbandono”. Una legge ferma ai box inspiegabilmente,  che avrebbe potuto salvare la vita al piccolo.

Sulla questione è intervenuto anche il Codacons.

“La questione della mancata attuazione della legge sui seggiolini anti-abbandono diventa una class action contro lo Stato Italiano e finisce all’attenzione della magistratura. Dopo l’ennesima morte ieri a Catania di un bambino dimenticato in auto, il Codacons ha deciso infatti di presentare un esposto alle Procure della Repubblica di Roma e Catania contro il Governo, alla luce della possibile fattispecie di omissione di atti d’ufficio.
“I ritardi nell’entrata in vigore della legge che introduce sulle auto l’obbligo di seggiolini anti-abbandono, varata dal precedente Governo, sono da attribuire unicamente alle istituzioni italiane, che avrebbero potuto rendere effettiva la misura anche in assenza del benestare dell’Ue, in virtù di ragioni d’urgenza e sicurezza – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo denunciamo il Governo in procura per omissione di atti d’ufficio, e abbiamo deciso di avviare una class action pubblica contro lo Stato, ai sensi della legge Brunetta, affinché si arrivi ad una condanna per gli intollerabili ritardi nell’attuazione della normativa sui seggiolini” – conclude Rienzi.”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.