Marsella, CasaPound: “Seawatch, la farei ripartire con i parlamentari del PD sopra”

Luca Marsella



Luca Marsella, consigliere di CasaPound a Ostia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul caso Sea Watch

“A questo punto i migranti li farei sbarcare e farei ripartire la nave con i parlamentari del PD sopra. E’ inammissibile che ci siano parlamentari italiani che si imbarchino su questi navi, pronti a difendere fisicamente i migranti, a difendere l’equipaggiamento di criminali della Sea Watch, e non li ho mai visti a difendere un italiano in difficoltà. Entrare nelle acque italiane in quel modo è quasi un atto di guerra. A Salvini va riconosciuto che sta portando avanti questa battaglia contro le ong, noi però ci aspettavamo di più, ci aspettavamo i rimpatri e i porti chiusi, invece i migranti continuano a sbarcare e anche ad arrivare via terra”. 

Sull’addio di CasaPound alla politica

“Molti giornali hanno travisato il nostro comunicato stampa, non c’è nessuna ritirata, nessun passo indietro, anzi c’è un rilancio di CasaPound che torna ad essere avanguardia politica e culturale, per dare proposte che poi sono state riprese da varie forze politiche come Lega e FDI. Gli elettori non troveranno più il nostro simbolo sulla scheda elettorale, però io ad esempio sono un consigliere e continuerò la mia attività politica. Il nostro candidarci alle elezioni ha portato un isterismo politico e un accerchiamento mediatico e giudiziario. La visibilità che abbiamo avuto è stata spesso negativa, ci accusano di qualsiasi nefandezza. C’è purtroppo in Italia questo antifascismo militante che vorrebbe che noi non esistessimo. Noi continueremo a fare politica, politica ed elezioni sono due cose diverse. Lo scioglimento di un Movimento non lo dice l’Anpi, lo decide semmai la magistratura. Il nostro non è un movimento sovversivo, è un movimento che agisce ogni giorno alla luce del sole, non c’è nulla di illegale in quello che pensiamo e che facciamo”. 

Sullo stabile occupato a Roma

“Stiamo per denunciare Virginia Raggi per l’ex colonia Vittorio Emanuele di Ostia che è occupata da immigrati a cui il Comune paga le utenze. Ci sono centinaia di occupazioni tra centri sociali e immigrati. C’è solo il nostro stabile dove abitano famiglie italiane in difficoltà e il problema è quello. Il problema è diventata anche la scritta di marmo che c’è sul palazzo. La Raggi ha detto di togliere la scritta perché deturpa la città. Non so se siete mai stati all’Esquilino, con gli immigrati che pisciano per strada in ogni angolo, e poi siamo noi a deturpare la città? E’ evidente che c’è un accanimento nei nostri confronti. Abbiamo fatto un favore al Demanio perché l’abbiamo ristrutturato quel palazzo, che altrimenti sarebbe finito nelle mani di qualche palazzinaro e di speculazioni edilizie”.

 

Testo liberamente riproducibile, con citazione della fonte

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.