Ostia, arrestate dai Carabinieri altre tre persone ritenute responsabili del tentato omicidio di un sessantenne



I Carabinieri del Gruppo di Ostia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in
carcere, emessa dal Tribunale di Roma, nei confronti di tre persone, tutte 30enni,
accusate del tentato omicidio.

L’episodio si è verificato il 29 marzo scorso ad Ostia, dove la vittima, un uomo di 60 anni con
precedenti penali, dopo una lite scaturita nei pressi della sua abitazione, era stata colpita
ripetutamente al volto con una “mannaia” e lasciata a terra agonizzante.

Nella circostanza, un cittadino cileno di 56 anni, gravato da precedenti era stato arrestato
in flagranza di reato.

Le indagini

Le indagini avviate subito dopo l’efferato evento dai Carabinieri di Ostia e coordinate dalla
Procura della Repubblica di Roma, hanno consentito di fare piena luce sull’aggressione anche
attraverso le varie testimonianze e l’analisi delle molteplici immagini catturate dai sistemi
di videosorveglianza della zona.

È stato accertato, infatti, che sul luogo del delitto erano presenti anche altre tre persone,
oggi arrestate, che avevano favorito l’aggressore durante il grave ferimento della vittima.

All’epoca dei fatti, la vittima, a causa delle gravi ferite riportate, era stato trasportato d’urgenza
all’ospedale San Camillo di Roma, ove è tuttora ricoverato con una prognosi di 90 giorni.

Gli arrestati sono stati rinchiusi nel carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’A.G..

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13103 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.