Juventus, un Ronaldo da record in Champions ma si può fare di più

Juventus, un Ronaldo da record in Champions ma si può fare di più



Si sprecano oramai gli aggettivi per descrivere Cristiano Ronaldo. D’altronde i numeri non mentono mai: il campione portoghese è il giocatore più decisivo della storia nella massima competizione continentale. La Juventus ha tutte le carte in regola per alzare il più ambito trofeo europeo il prossimo 1 giugno al “Wanda Metropolitano” di Madrid. Qualcosa però si può migliorare nella squadra: il gioco.

Juventus, ce la puoi fare con un CR7 così.

Non brilla contro l’Ajax dei giovani ma la Juventus torna da Amsterdam con un buon pari. CR7 appare ancora una volta nel tabellino dei marcatori grazie ad un bel colpo di testa a fine primo tempo, una rete fondamentale in ottica doppio confronto, soprattutto perché segnato in trasferta. È sufficiente infatti lo 0-0 allo Stadium la prossima settimana per approdare alle semifinali.

È fuori discussione che i bianconeri dispongono di una rosa di giocatori più bravi degli olandesi, ad iniziare dal top assoluto CR7, da un terzino destro di grande valore (Cancelo), giovani molto promettenti (Bernardeschi, Bentancur, Kean), un eccellente mediano (Matuidi).

Mandzukic, Pjanic, Dybala, Chiellini le altre stelle in formazione che fanno capire perché la Juventus quest’anno è tra le favorite al successo finale.

Con un CR7 in gran forma, tutto è possibile.

Il portoghese ha realizzato 24 gol in 21 partite nei quarti di Champions League e se aggiungiamo anche semifinali e finali il bottino sale a 41 reti. Nessuno come lui, nemmeno il top player Leo Messi, staccatissimo a 16 gol. Il cinque volte Pallone d’Oro è l’arma in più di Allegri per vincere la Champions.

Sono ben 126° gol realizzati in 165 partite nella competizione dal fuoriclasse portoghese, numeri da fenomeno, primo marcatore assoluto della manifestazione. Otto triplette, sette volte capocannoniere del torneo, cinque Champions già in bacheca.

Con Cristiano la Juventus non può assolutamente nascondersi e dunque presentarsi alla finale di Madrid è quasi d’obbligo. E per il match di ritorno contro l’Ajax è data per superfavorita con una quota di 1,72 secondo i bookmakers.

Juve, puoi migliorare nel gioco.

La Juventus non riesce ad esprimersi bene considerando i tanti campioni che ha in rosa. È questa l’accusa mossa più di frequente a mister Allegri. Finché però continua a vincere, i detrattori del tecnico toscano saranno sempre in minoranza.

Ad essere onesti dopo aver visto l’ultimo match di Champions contro l’Ajax, si potrebbe fare di più.  Un ritmo troppo blando, una manovra che si accende molto spesso per iniziative personali ed una fase difensiva troppo statica nella propria metà campo, senza mai aggredire per far ripartire subito la squadra, ad eccezione dei lanci di Bonucci, ormai peraltro ben noti agli avversari.

Un gioco che potremmo definire all’italiana, valido soprattutto in trasferta e che potrà perfino portare alla vittoria di Madrid. Ma con tanti campioni in squadra, non sarebbe lecito attendersi qualcosa di più? Se poi “Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta”, come disse il grandissimo Boniperti, avanti così fino al 1° giugno.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 14097 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.