Papa all’Angelus: “Con il diavolo non si dialoga, si risponde con la Parola di Dio”



Ci sono strade che il mondo sempre propone promettendo grandi successi. Sono “l’avidità di possesso, la gloria umana, la strumentalizzazione di Dio”. “Sono strade per ingannarci”, È quanto sottolinea Papa Francesco all’Angelus ricordando il Vangelo di questa prima domenica di Quaresima che “narra l’esperienza delle tentazioni di Gesù nel deserto”.

 

La strada dell’avidità di possesso
Gesù, ricorda il Pontefice, è tentato tre volte dal diavolo che “prima lo invita a trasformare una pietra in pane”. “È sempre questa la logica insidiosa del diavolo”.

Egli parte dal naturale e legittimo bisogno di nutrirsi, di vivere, di realizzarsi, di essere felici, per spingerci a credere che tutto ciò è possibile senza Dio, anzi, persino contro di Lui.

Ma Gesù afferma di volersi abbandonare con piena fiducia alla provvidenza del Padre e si oppone dicendo: “Non di solo pane vivrà l’uomo”.

La strada della gloria umana
Il diavolo tenta una seconda volta Gesù: “mostra dall’alto i regni della terra” e gli prospetta “di diventare un messia potente e glorioso”. Gesù risponde: “Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai, lui solo adorerai”.

Si può perdere ogni dignità personale, ci si lascia corrompere dagli idoli del denaro, del successo e del potere, pur di raggiungere la propria autoaffermazione. E si gusta l’ebbrezza di una gioia vuota che ben presto svanisce.

Strumentalizzare Dio
Nella terza tentazione, il diavolo conduce Gesù sul punto più alto del tempio di Gerusalemme e “lo invita a buttarsi giù, per manifestare in maniera spettacolare la sua potenza divina”. “Gesù oppone di nuovo la ferma decisione di rimanere umile e fiducioso di fronte al Padre”.

Così Gesù respinge la tentazione forse più sottile: quella di voler “tirare Dio dalla nostra parte”, chiedendogli grazie che in realtà servono a soddisfare il nostro orgoglio.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22651 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.