Salvini-Diciotti, Grasso: “Sì all’autorizzazione a procedere, altrimenti si apre un precedente pericoloso”



Il Senatore Pietro Grasso, Segretario della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, è intervenuto ai microfoni de “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Su richiesta di Grasso, la Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari ha inviato a Catania gli atti firmati da Conte, Di Maio e Toninelli allegati alla memoria difensiva di Salvini

“Io inizialmente mi sono opposto all’ammissione di questi atti, perché il regolamento prevede che l’unico interlocutore debba essere l’inquisito, ovvero il ministro Salvini. Il fatto che Salvini abbia allegato quegli atti firmati da Conte, Di Maio e Toninelli ha ampliato il raggio di azione, perché costoro hanno ammesso la loro responsabilità. Quindi o non si accettavano gli atti, oppure una volta accettati si produce un effetto per cui un pubblico ufficiale che riceve una notizia di reato non può che essere obbligato a trasmettere gli atti all’autorità giudiziaria, altrimenti risponde di omessa denuncia.

Il M5S in passato è sempre stato per rivolgersi all’autorità giudiziaria senza filtri politici del Parlamento, quindi è logico che non poteva che invocare questa autodenuncia se in effetti c’è stata un’azione politica globale di governo. In realtà nella memoria non si parla di azione collegiale, ma di azioni individuali delle persone che hanno presentato la memoria. Non c’è stato quindi un atto collettivo formale del governo. Per quanto riguarda ciò che è stato fatto, un conto è che sia un atto preminente rispetto ad altri interessi come quello della libertà personale che secondo la nostra Costituzione è un bene inviolabile e come tale la libertà dell’essere umano non può essere costretta se non dall’autorità giudiziaria o da un provvedimento che lo consente.

Si poteva benissimo avviare la trattativa con l’UE consentendo lo sbarco. Si parla di preminente interesse pubblico e non c’è dubbio che va fatta questa valutazione tra la politica migratoria dello Stato come interesse pubblico e quello che è l’interesse della persona a vedere rispettata la propria libertà. Si poteva ottenere lo stesso risultato con l’Europa facendo sbarcare i migranti anziché tenerli bloccati sulla nave per giorni? E’ questo il punto. Ora sta al Senato stabilire se c’è un preminente interesse pubblico in quello che è stato fatto”.

Sull’indecisione del M5S

“Il M5S ha un sistema verticistico di governo, con un garante come Grillo e un responsabile come Casaleggio, e poi un responsabile di queste volontà che è Di Maio. E’ in quest’ottica che le decisioni vengono prese. Io negli scorsi anni da Presidente del Senato ho assistito ai discorsi dei parlamentari del M5S sul fatto che non ci dovevano essere filtri politici del Parlamento riguardo l’azione dell’autorità giudiziaria. Adesso si trovano in questa difficoltà, anche se secondo me il mantenimento del governo e la possibilità di nuove elezioni, con qualcuno che non potrà più candidarsi perché ha fatto i due mandati, fanno intravedere una soluzione che cerchi di salvare il governo votando no all’autorizzazione.

La proposta del Presidente Gasparri non è un assist al M5S, il Presidente nella sua relazione ha usato argomentazioni che mettono il premier Conte al centro dell’azione piuttosto che il ministro Salvini. Ma il problema è che un governo che qualifica un atto simile: tenere in uno stadio o in una scuola delle persone per raggiungere un fine politico, può aprire un precedente pericoloso. Un giorno un ministro potrebbe dire: chiudiamo gli studenti in una scuola e non sarebbe sottoposto a giudizio. E’ questo che mi preoccupa. Ben venga quindi l’autorizzazione a procedere, poi sarà magari il giudice a stabilire che il ministro ha agito senza dolo del sequestro di persone”.

Fonte: Radio Cusano Campus

 
Il Tabloid Network
Gruppo Pubblico · 158 membri
Iscriviti al gruppo
In questo gruppo potrai leggere gli articoli dei vari web magazine del network Il Tabloid.
 
Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12053 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.