Porta Maggiore, manutenzione straordinaria della lapide ai caduti nella Prima guerra mondiale



È stato avviato oggi, con l’allestimento del cantiere, l’intervento di manutenzione straordinaria della lapide che ricorda i caduti della prima Guerra Mondiale del quartiere di Porta Maggiore, realizzata nel 1923 e collocata sul prospetto della chiesa di Sant’Elena in via Casilina.

Nel centenario della conclusione della Prima Guerra Mondiale, la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ha progettato un intervento di ripristino del monumento che prevede, fra l’altro, la rimozione della lastra in marmo deformata e ormai illeggibile, la manutenzione degli elementi decorativi in bronzo delle altre superfici lapidee. Sul monumento sarà ricollocata una nuova lastra che avrà caratteristiche analoghe a quella rimossa, sulla quale saranno incisi ex novo i nomi dei caduti.

I lavori avranno una durata di 30 giorni, saranno diretti e realizzati dalla ditta specializzata in materiali lapidei MA.CO.RÈ. SNC, sotto la supervisione dell’Ufficio Restauri della Sovrintendenza Capitolina, per un costo complessivo di circa 29.000,00 euro.

Notizie storiche

Collocata all’esterno della chiesa di Sant’Elena, tra il portale principale e quello laterale sinistro, la lapide commemora i caduti nella Prima Guerra Mondiale del quartiere di Porta Maggiore. La memoria fu finanziata e realizzata nel 1923 per iniziativa del circolo cattolico San Tiburzio, molto attivo nel quartiere, affidata allo scultore Luigi Iavarone (1888-1965) e realizzata dalla ditta Bellucci di Roma. Nella sezione superiore la lastra è coronata da una ghirlanda di foglie d’alloro in bronzo con al centro una croce greca di cui rimane solo l’ingombro. Lungo i margini laterali, rientranze ospitano semicolonne doriche rivestite da foglie di palma. In basso, sempre in bronzo, si trova un festone di nastri e foglie di quercia e alloro con, al centro, elmetto e gladio. Sul corpo della lapide, un’iscrizione commemorativa ricorda i nomi degli 88 caduti in caratteri incisi, rubricati in rosso e disposti su due colonne.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Samantha Lombardi 6357 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.