Frate (M5S): “Licenziato ufficialmente il Milleproroghe”



Licenziato ufficialmente il Decreto Legge 91/2018 circa la proroga dei termini previsti da disposizioni legislative, comunemente noto come Milleproroghe.

Questo provvedimento contiene molti elementi positivi. Penso alla proroga della riforma dell’esame forense, un tema molto sentito e sollevato a gran voce dai rappresentanti della categoria. Evidenzio con piacere il contributo, sempre di spessore, dell’avvocatura napoletana. L’Unione Giovani Penalisti ed altre associazioni hanno contribuito ad avviare un dialogo proficuo e sinergico.

Tuttavia in questi giorni l’attenzione mediatica si è concentrata sul tema periferie e Comuni. Ebbene, è importante chiarire che il Governo non ha tagliato i fondi alle periferie tanto meno ha sottratto risorse ai Comuni. È una ricostruzione falsata, ingigantita dagli oltre cento Ordini del Giorno presentati dal Partito Democratico in una logica meramente ostruzionistica, inutile ai fini della dialettica parlamentare; una scelta peraltro criticata anche dalle altre forze di opposizione.

Ma entriamo nel merito.

PERIFERIE – I primi 24 progetti del Bando Periferie saranno tutti finanziati per un importo complessivo pari a 500 milioni di euro. Dei restanti 96, quelli già in fase avanzata – ovverosia esecutiva, pronti a partire – verranno anch’essi regolarmente finanziati senza alcuna perdita. Infine, per quanto concerne tutti quei progetti ancora in via di definizione (né approvati né in via di attuazione), il Governo opererà un attento monitoraggio e, se approvati, verranno finanziati recuperando le risorse tramite la Conferenza Unificata Stato Regioni Comuni. Capisco il tentativo rocambolesco delle opposizioni di strumentalizzare la tematica, ma ritengo che le parole del Presidente ANCI, il sindaco barese Antonio Decaro, siano più che esaustive: “Abbiamo una soluzione, i fondi sono salvi. Saranno stanziati i fondi sulla base delle effettive necessità dei Comuni. Le risorse saranno assegnate sulla base delle effettive necessità”. Quindi no tagli, ma impiego responsabile dei soldi pubblici. Che è altra cosa.

COMUNI – Dopo tanti anni di tagli e sacrifici, i Comuni hanno bisogno di tornare a respirare. Da una parte, il Governo ha sbloccato 1 miliardo di euro per i Comuni in avanzo di Bilancio. Si tratta di risorse accantonate negli anni in forza dei vincoli contenuti nel Patto di Stabilità interno e, successivamente, nella nuova disciplina del Pareggio di Bilancio. Lo sblocco delle risorse si articolerà in un quadriennio (2018-2021) e consentirà il rilancio degli investimenti e dei servizi pubblici. Dall’altra, è stato approvato un emendamento che aiuta i Comuni in dissesto sulla ricognizione dei debiti fuori Bilancio. Per il Comune che presenterà entro il prossimo 30 novembre un piano di riequilibrio finanziario pluriennale, la ricognizione di tutti i debiti fuori Bilancio è effettuata dopo l’approvazione dell’esercizio 2018. Inoltre, il mancato adeguamento dei tempi di pagamento dei debiti commerciali non costituisce motivo per il diniego delle riformulazioni o rimodulazioni previste dal Testo Unico degli Enti Locali.

C’è tanto altro nel Milleproroghe e nelle prossime settimane organizzeremo punti di incontro e di discussione per spiegare ai cittadini i tanti provvedimenti adottati.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13417 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.