Roma Nord, fermata una baby gang che rapinava coetanei

baby gang



“Dammi i soldi che hai…altrimenti ti do una pigna in bocca”: questa la minaccia più
usata dalla baby gang di rapinatori che imperversava nei ritrovi degli adolescenti di
Roma Nord, godendo di un muro di omertà creato dalla vergogna.

Muro che, grazie ai genitori, è stato rotto da 3 giovani vittime, derubate in pieno
giorno in una piazzetta a balcone su corso Francia. Gli stessi malviventi, dopo una
mezz’oretta, hanno compiuto lo stesso crimine nei confronti di altri 2 ragazzi in
piazza Mancini.

Le indagini

Gli investigatori del commissariato Ponte Milvio, diretto da Rossella Matarazzo,
hanno acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza di un
supermercato in cui, prima di compiere il reato, erano entrati i rapinatori.
Gli stessi poliziotti hanno riconosciuto uno di loro perché, solo pochi giorni
prima, era stato fermato con 2 bici a noleggio di cui si era indebitamente
appropriato.

Grazie ad una serie di pedinamenti ed accertamenti informatici, gli agenti
sono riusciti a risalire anche ai suoi complici e così, inviati i risultati delle
indagini alla competente Autorità Giudiziaria, hanno ottenuto 5 ordinanze
di applicazione di misure cautelari.

Due dei 5 minorenni sono stati inviati in due diverse comunità di recupero,
altri due hanno avuto gli arresti domiciliari e sono in corso le ricerche dell’ultimo, resosi irreperibile: una volta trovato dovrà anch’egli scontare la pena degli arresti domiciliari.

Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 5641 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.