Manutenzione degli impianti di riscaldamento a Roma: dal rinnovo del bollino blu all’Ecobonus 2018

bollino blu caldaia roma



La stagione invernale è davvero agli sgoccioli e le temperature tornano ad essere piacevoli, ma prima di spegnere del tutto l’impianto di riscaldamento potresti sfruttare questo momento dell’anno per sottoporlo ad una revisione o per programmare quegli interventi di rifacimento che da tempo stai rimandando.

Se il bollino blu del tuo impianto è prossimo alla scadenza e non sai come muoverti per il rinnovo o se hai deciso di mandare in pensione la caldaia e sostituirla con un nuovo modello ad alta efficienza energetica sfruttando gli incentivi dell’Ecobonus 2018, all’interno di questo articolo troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Revisione della caldaia: obblighi di legge e vantaggi diretti

È innegabile: gli appuntamenti con la revisione della caldaia e con i check up necessari per il rinnovo del bollino blu possono rappresentare una bella seccatura, eppure tenere sempre sotto controllo lo stato di salute del proprio impianto domestico non è solo importante per rispettare la legge ed evitare salate sanzioni in caso di ispezione (come indicato all’interno del D.p.r. 74/2013 e del D.l. 192/2005), ma soprattutto per assicurare la continuità del riscaldamento e dalla produzione dell’acqua sanitaria e la sicurezza di tutti gli abitanti della casa.

Sottoporre la caldaia alle verifiche di rito attenendosi alle scadenze indicate all’interno del manuale d’uso e manutenzione e nel rispetto delle norme valide sul territorio del comune di Roma Capitale rappresenta una scelta vantaggiosa sotto molti di vista: la costanza nella manutenzione, permette di mantenere a lungo la caldaia in condizioni perfette, fatto che contribuisce a conservarne inalterata l’efficienza energetica, riducendo da un lato i consumi – e naturalmente anche la bolletta – e dall’altro la produzione di quegli inquinanti che, specie nei mesi invernali, saturano l’aria delle grandi città italiane.

Bollino blu e revisione della caldaia: perché uno non sostituisce l’altro

Quali sono gli obblighi ai quali i proprietari di casa devono adempiere in relazione agli impianti di riscaldamento?
In primo luogo, occorre chiarire che il rilascio o il rinnovo del bollino blu non sostituiscono la normale revisione alla quale la caldaia dovrebbe essere sottoposto una volta all’anno o, al massimo, una volta ogni due.

La revisione dell’impianto, che deve naturalmente essere eseguita da tecnici specializzati, verte sulla verifica dell’integrità di tutte le sue parti, del corretto smaltimento dei fumi di scarico verso l’esterno e, in generale, dell’assenza di problematiche che minino il funzionamento della caldaia o che mettano a repentaglio l’incolumità delle persone che vivono all’interno dello stabile o dell’appartamento.

Ogni quanto sottoporre la caldaia a revisione

Se hai dei dubbi riguardo alla frequenza con cui la tua caldaia andrebbe revisionata, la soluzione è semplice: di norma, infatti, la cadenza consigliata per le revisioni viene specificata all’interno del libretto d’uso e manutenzione fornito dal produttore della caldaia.
Se non dovessi riuscire a recuperare questa informazione sul libretto e neppure online (ad esempio visitando il sito del produttore o quello di ditte autorizzate a fornire l’assistenza) puoi rivolgerti a tuo tecnico di fiducia: sarà lui a stabilire un preciso piano di manutenzione per l’impianto.

Come regola generale, è possibile attenersi alle indicazioni contenute all’interno delle normative UNI CEI, che raccomandano la revisione annuale per le caldaie di vecchia generazione (specie se installate all’interno di ambienti chiusi) e quella con cadenza biennale per i modelli ad alta efficienza energetica.

Come si rinnova il bollino blu

Anche il rilascio del bollino blu richiede una verifica del funzionamento dell’impianto, ma l’esame tecnico in questo caso riguarda in modo specifico i fumi emessi dalla caldaia: l’operatore incaricato dell’intervento, che deve essere in possesso di un’apposita autorizzazione comunale, si occupa di effettuare misurazioni quantitative e analisi qualitative sulle emissioni rilasciate nell’ambiente, al fine di certificare il rispetto degli standard imposti dalla legge.

Oltre alla sola rilevazione dei fumi di scarico, sono poi possibili altri esami (ad esempio relativi al livello di efficienza del bruciatore della caldaia) utili per determinare la resa energetica complessiva dell’impianto.
Ottenere il rinnovo del bollino blu, in genere, non pone particolari complicazioni: è sufficiente rivolgersi ad una delle ditte di assistenza caldaie autorizzate dal comune di Roma Capitale e, qualora il controllo dovesse evidenziare situazioni anomale, provvedere alle riparazioni o sostituzioni di componenti suggerite dai tecnici per ridurre le emissioni di fumi.

Validità e scadenza del bollino blu

Di norma, la scadenza del bollino blu viene indicata sul bollino stesso.

In ogni caso, il periodo di validità di questa particolare certificazione varia in base alle caratteristiche della caldaia e dell’impianto e, in particolare, in ragione del numero di anni di funzionamento, della collocazione interna o esterna e della potenza nominale.
Il rinnovo del bollino blu può essere effettuato ogni 4 anni nel caso di caldaie che soddisfino i seguenti requisiti:

  • in attività da non più di 8 anni
  • potenza inferiore a 35 KW
  • installate in ambiente esterno

In tutti gli altri casi, ovvero per le caldaie con più di 8 anni, con potenza superiore a 35 KW oppure ancora collocate in ambienti chiusi, è invece d’obbligo provvedere al rinnovo del bollino blu ogni 2 anni.

Infine, fanno case a sé gli impianti di riscaldamento centralizzati condominiali e tutti i sistemi di riscaldamento non alimentati a gas (quindi stufe a legna, pellet, gpl o gasolio) per i quali la verifica sui fumi emessi deve essere ripetuta una volta all’anno.

Sostituire la caldaia approfittando dell’Ecobonus 2018

Gli incentivi fiscali dell’Ecobonus sono stati rinnovati anche per tutto il 2018, come annunciato già qualche mese fa con la promulgazione della legge di bilancio.

Tuttavia, rispetto alla scorso anno, l’aliquota da portare in detrazione Irpef è scesa dal 65 al 50% per quanto riguarda l’acquisto di nuove caldaie a condensazione ad alta efficienza energetica, ovvero con classe A oppure superiore.

L’aliquota rimane invece al 65% per le spese sostenute per l’efficientamento energetico dell’impianto di riscaldamento, ad esempio attraverso l’installazione delle termovalvole a livello dei singoli caloriferi oppure con il passaggio ad un sistema ibrido, costituito da caldaia a condensazione più pompa di calore.

Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12032 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.