Razzismo? No grazie. Usiamo la ragione, usiamo il cuore!



Macerata diventa, involontariamente, il brutto palcoscenico delle folli gesta di Luca Trani. Un ventottenne ha sparato e ferito gravemente 6 immigrati. Testa rasata, simbolo della formazione neofascista Terza Posizione tatuato sul sopracciglio destro, prima di essere stato arrestato, aveva messo sulle spalle una bandiera tricolore (non dico italiana perché la nostra patria non merita d’essere svilita sulla pelle di uno squilibrato razzista) e fatto il saluto romano.

 

Trani, candidato nel 2017 nelle file della Lega Nord, ha avuto anche modo di sparare alcuno colpi alla sede locale del Pd. A proposito di Lega Nord: Salvini afferma che la colpa di questo attentato sarebbe di chi “ci riempie” di clandestini. Francamente questo modo di fare politica lo trovo indegno poiché non solo non rispetta i morti ma finisce con il mettere gli uomini gli uni contro gli altri.

Forza Nuova, addirittura, si è schierata con Trani ed ha messo a disposizione i propri riferimenti per pagarli le spese legali. Nel leggere queste parole non vi sono venuti dei conati?

E’ vero che l’Italia è diventata oggetto di sbarchi incontrollati di immigrati ma è pur vero che alcuni italiani (magari anche qualche amico di chi urla ruspa o si presenta come patriota…) lucrano, non poco, sul fenomeno immigrazione.

 

Prima di scadere nel becero razzismo, chiediamoci perché un continente ricco come quello africano, vede i suoi abitanti scappare? Non è che parte del benessere “occidentale” si basa sullo sfruttamento africano? Non è che questo fenomeno apparentemente incontrollato, conviene a quegli uomini “bianchi” che utilizzeranno quelli “colorati” per attuare una politica di ribasso dei salari e annientamento dei diritti (il bracciale di Amazon o i voucher non vi dicono nulla?).

Sono il primo a chiedere un blocco totale degli ingressi, ma sono anche tra i primi a chiedere di esaminare il fenomeno immigrazione nel suo complesso senza dimenticare, poi, il nostro passato, anche quello recente. Vi ripeto, dietro gli sbarchi, ci sono sfruttamento dei territori e volontà politica di alienazione dei diritti attraverso la creazione ad hoc di una guerra tra poveri.

 

Quando parliamo di immigrazione, non dimentichiamo che noi italiani siamo di nuovo un popolo che ha ripreso a emigrare. Quando sentiamo Salvini, non dobbiamo dimenticare che fino a pochi anni fa cantava beatamente “Mamma che puzza scappano i cani, stanno arrivando i napoletani”. Ieri il pericolo erano i meridionali, oggi sono quelli “colorati”. Perché in molti hanno dimenticato questo suo essere razzista?

 

Ho vissuto, da giornalista impegnato nel mondo dei motori, una “certa” discriminazione perché il mio accento invece d’essere settentrionale è napoletano. Qualche buontempone credeva di svilirmi nel chiamarmi “vesuviano”. Vi rendete conto? Poraccio, non è a conoscenza che il Vesuvio è un valore aggiunto all’essere napoletano e a differenza di chi (italiani, bianchi, mica quelli “colorati”…) gli chiede di “lavare” i suoi abitanti, il bel vulcano rende ancora più affascinante il golfo partenopeo.

Cosa fare allora? Dobbiamo, innanzitutto, porre freno allo sfruttamento delle nazioni africane ossia del loro petrolio, diamanti, oro, cromo, coltano, bauxite, manganese, niobium, tantalum e uranio. L’esodo nasce perché gli africani sono oggetto di un vero e proprio svuotamento della loro dignità di popolo. Chiarito questo, il resto viene di conseguenza.

Non smettiamo d’essere umani, usiamo la ragione, usiamo il cuore!

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 14225 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.