L’anno che verrà: invito sul che fare



E’ terminato un anno dove è emerso che certi personaggi hanno usato incarichi istituzionali per affari loro. Finiscono 365 giorni che hanno visto aumentare il precariato nel lavoro e i poveri tra noi. Alla fine delle 52 settimane del 2017 il numero degli italiani che non possono permettersi le cure sanitarie si è incrementato. Insomma, un altro anno dell’era piddina, “gentiloni” a chiacchiere ma triste nei fatti, è alle spalle, così come è alle spalle quella che forse è la peggior legislatura del dopo guerra. Un quadro a tinte fosche che ha messo a dura prova la stabilità economica e sociale del paese.

 

Cosa ci attenderà nel 2018? Come del domani non vi è certezza, è anche vero quello che si semina, prima o poi, si raccoglie. A marzo saremo chiamati a scegliere la classe politica che guiderà il paese per i prossimi anni. Da un lato ci sono due blocchi, quelli di centrosinistra e di centrodestra, dall’altro c’è il Movimento 5 Stelle.

 

Del primo blocco sappiamo vita morte e miracoli di coloro che si candidano con le vesti di una vergine ed i colori della beatitudine. Renzi gira l’Italia come se schifezze come il jobs act o la buona scuola siano non opere sue. Berlusconi diventa un logorroico prezzemolino che tra reddito di dignità (senza dignità, invece, l’aver prima combattuto il reddito di cittadinanza penstastellato e, poi, copiato parzialmente l’idea…), pensioni minime a 1000 euro e case ai terremotati, dimentica che è stato più volte premier e che non è candidabile (nessun giornalista che lo ha ospitato gli ha ricordato questo piccolo particolare).

Che dire di colei che votò la Legge Fornero e che a Roma era pappa e ciccia con Alemanno? E del razzista con la ruspa che non conosce mezz’ora di lavoro? Personaggetti direbbe, tra un dito medio ed una chiattona, quel grezzo amante delle fritture di pesce. Insomma un’accozzaglia vecchia che, nonostante si professi esperta e competente, ha ridotto milioni di italiani alla miseria e disperazione.

 

Del secondo blocco, invece, sappiamo che se entrasse nella stanza dei bottoni, parte dei poteri forti, tutti i politici di professione ed i burocrati parassiti, alcuni im-prenditori e molte banche, sarebbero sull’orlo del suicidio se non dell’harakiri collettivo. Lo si capisce dalle crisi isteriche che i soliti giornali (che ricevono, tra l’altro, il finanziamento pubblico) e le solite reti televisive (tra quelle del non candidabile e quelle pubbliche che hanno visto l’epurazione di coloro non schierati per il sì al referendum, c’è l’imbarazzo della scelta) hanno in queste settimane. Per costoro l’argomento principale, dopo il tiro alla Raggi (ricordiamo che ha ereditato ben 22 miliardi di passivo…), è diventato il nascondere il vero volto della società. Chi è un pensionato, un esodato, un padre di famiglia mono reddito, un disoccupato, un ammalato, una madre lavoratrice, un terremotato, uno studente, non esiste.

 

Come non si campa con 500 euro di pensione? Non interessa. L’università è sempre più un salotto parcheggio per figli di ricchi? Il diritto allo studio non deve essere più per tutti. Non puoi permetterti le cure per guarire? Muori che è meglio. Ennesimo inverno in un container sotto la neve? Tranquillo, arriverà la primavera. Nonostante i mille sacrifici che fai, non puoi accontentare tuo figlio non nell’acquisto di uno smartphone bensì nella voglia di coltivare il proprio talento negli studi? Come ho detto, il diritto allo studio è roba per ricchi.

Cerchi lavoro? Con il jobs act non esiste che tu sia inoccupato; in fondo basta aver lavorato solo un’ora nell’ultima settimana per risultare, agli occhi delle statistiche, come un felice occupato. Hai 65 anni, lavori da una vita e vorresti andare in pensione? Dai, non scherzare, fai la persona seria! In merito, vi invito a fare caso come quelli della nostra generazione (non quella dei nostri genitori), si ammalano di gravi patologie o muoiono prima di chi li ha preceduti (un tempo la speranza di vita si era allungata, oggi, a mio avviso, qualcosa sull’argomento viene nascosto…).

L’ascensore sociale che ha permesso ai figli dei contadini o degli operai di diventare ministri della repubblica o dirigenti di importanti società, si è inceppato.

 

Se gli italiani a marzo sceglieranno il secondo blocco, come farebbero lor signori “ancora a piede libero e uguali”, a ricattarci, visto che molte catene della schiavitù civile nella quale viviamo, sarebbero spezzate grazie al reddito di cittadinanza, il puntare sulla green economy ed alle leggi sul conflitto degli interessi e sulla corruzione?

Nessuno ha la bacchetta magica e nessuno può, dall’oggi al domani, risolvere i tanti problemi della nostra nazione. Occorre, però, essere chiari: se sceglierete chi ha già sgovernato il paese, non risentitevi se vi dico che meritate l’indecenza nella quale viviamo.

 

Se, invece, avete voglia di cambiare, beh, da quello che ho scritto è facile intuire cosa vi invito a fare.

Di sicuro, non dovete più essere immobili e rimanere a piangervi addosso. Dobbiamo ritornare a impegnarci in prima persona nella vita sociale e dobbiamo pretendere ad alta voce che insieme ai doveri ci sono i diritti. Non è vero che sono tutti uguali e che non c’è un altro modo di intendere la nostra società.

Viviamo una fase di profondi cambiamenti. Spetta a noi scegliere la direzione da dare, se verso un mondo di ignoranti schiavi o verso un mondo di uomini liberi. A noi la scelta, a noi gli auguri di un felice e sereno 2018!

L'anno che verrà: invito sul che fare

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19581 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.